Vai ai contenuti

Chella porta



CHELLA PORTA…


Una bella e toccante poesia scritta da Lello Florio, un ex TdG napoletano che ha scelto di salvare la vita della moglie, acconsentendo ad un'indispensabile trasfusione di sangue.  L'autore ha così commentato questa poesia:
«Due anni dopo l'episodio che ci ha cambiato la vita (in meglio), scrissi questa poesia, dedicandola a tutti quelli che, pur non essendo passati per questa trafila (mia moglie rischiava di morire dissanguata ed io autorizzai la trasfusione di sangue, e fui disassociato), si ergono a giudici (come quelli che mi fecero il famigerato "comitato"), impietosi del dramma che vivono tutti quelli che si ritrovano completamente soli e devono prendere una decisione immediata sulla pelle di un'altra persona (mia moglie). La poesia è scritta in napoletano, ma con un piccolo sforzo la si può facilmente capire».

L'indirizzo e-mail di Lello Florio: rafflo@inwind.it

a Lina.
Due anni dopo l'episodio
che ci ha cambiato la vita

CHELLA PORTA...

Areto a chella porta, se cuntratta ‘cu ‘a morte,
areto a chella porta, cumbatteno ‘cu ‘a morte!
Areto a chella porta ce sta l’ammore mio,
si perde chesta lotta, fernesce ‘a vita mia.

Io supero ogni cosa: “tristezze e delusioni,
inganni, maletiempe e perfino ‘e ‘nfamità.
Ma è troppo forte l’ansia, troppe ‘e palpitazioni,
annanz’a chella porta io nun ce ‘a faccio a stà!

Areto a chella porta nun ce stai sulo tu,
‘ncopp’a ‘stu lietto e lacrime nun ce stai sulo tu.
Si nun ce l’issa fà, tu chesto l’jà capì,
Ca senza ammore mio, voglio murì pur’ì.

Cumbatte, nun t’arrennere, ca ‘a forza mia sì tu!
Tu me dai voglia e vivere chiu assaie d’a giuventù.
L’aria ca io respiro, prufuma sulo ‘e te,
Cumbatte, nun t’arrennere! Fallo pure pè ‘mme!

Hanno araput’a porta, ‘n’ommo ‘ncammeso bianco,
cu ‘n’aria preoccupata, m’ha ditto: “Sarò franco,
Chella ‘a signora è giovane, si more è ‘nu peccato!
Pozzo tentà qualcosa “solo se autorizzato.”

‘E lacreme che scorreno, m’hanno appannato ‘a vista,
nun m’ero mai sentuta l’anema accussì triste.
No! Chiste so’ sacrificie fore ‘a vuluntà ‘e Dio,
‘a vita mia sta ‘ccà, salvate ‘ammore mio.

Areto a chella porta, tu cumbatte ‘cu ‘a morte,
annanz’a chella porta, io smaledico ‘a sciorta.
Voglio trasì pur’ì, pe’ stà vicino a te,
pe’ te dà ‘a forza ‘e vivere, comme tu fai ‘cu,mmè!

Sì ‘a vita, tu sì ‘a luce… sì ‘e palpite ‘e ‘stu core,
sì chella ca si manche, nun pozzo chiù a campà.
Annanz’a chella porta io aspetto ‘o juorno e l’ora
ca passa ‘stu pericolo, ca te pozz’abbraccià.

Annanz’a chella porta quanto tiempo so stato,
pe’ sentere nutizie, p’avè ‘nu risultato.
Fra miedeche e ‘nfermiere, ca vaneno e che vanno,
quanno s’arape ‘a porta, me saglie ‘o core ‘nganno.

Sarrà pe’ malatia, forse pè ‘na ferita…
areto a chella porta ‘a gente perde ‘a vita!
Ma annanz’a chella porta, aggio perzo all’amice,
gente c’amme spartute mumente assai felice.

Hanno araputo ‘a porta, ‘st’ommo, ‘ncammeso bianco,
‘nu poco emozionato, ‘nfaccia tirato e stanco:
“Ferniscela ‘e t’affliggere – me dice – può sperà,
l’ammore vuosto è forte, mugliereta ce ‘a fa.

Sì viva ammore mio, mò grazie a Dio stai ‘cca’.
‘A paura è passata, mò pozzo arraggiunà.
Dint’è mumente tragici capisci chesti ‘ccose:
‘ncunfronto ‘a morte, ‘e guaie, so’ tutte sciure e ‘rrose.

Traduzione:

QUELLA PORTA

Dietro a quella porta, si contratta con la morte,
Dietro a quella porta, combattono con la morte!
Dietro quella porta ci sta l'amore mio,
se perde questa lotta, finisce la vita mia.
Io supero ogni cosa: tristezze e delusioni,
inganni, tempi difficili e perfino le “infamità”.
Ma è troppo forte l'ansia, troppo il batticuore,
davanti a quella porta io non riesco a stare!

Dietro a quella porta non ci sei solo tu,
su questo letto di lacrime non ci sei solo tu.
Se tu non ce la dovessi fare, devi capire,
Che senza l'amore mio, anch'io voglio morire.

Combatti, non ti arrendere, perché tu sei la mia forza!
Mi dai la voglia di vivere molto di più della gioventù.
L'aria che respiro, profuma solo di te,
Combatti, non ti arrendere! Fallo anche per me!

Hanno aperto la porta, un uomo in camice bianco,
con l'aria preoccupata, mi ha detto: “Sarò franco,
La signora è giovane, se muore è un peccato!
Posso tentare qualcosa “solo se autorizzato.”

Le lacrime che scorrono, mi offuscano la vista,
non mi ero mai sentito l'animo così triste.
No! Questi sono sacrifici al di la della volontà di Dio.
La mia vita sta qui, salvate l'amore mio.

Dietro a quella porta, tu combatti con la morte,
davanti a quella porta, io maledico la sorte.
Voglio entrare anch'io, per star vicino a te,
per darti la forza di vivere, come tu fai con me!

Sei la vita, sei la luce... sei i palpiti di questo cuore,
sei quella che se mancassi, io non potrei più vivere.
Davanti a quella porta io aspetto il giorno e l'ora
che passi questo pericolo, per poterti abbracciare.

Davanti a quella porta quanto tempo sono stato,
per sentire delle notizie, per avere un risultato.
Fra medici ed infermiere che vengono e che vanno,
quando si apre la porta, mi sale il cuore in gola.

Sarà per malattia, forse per una ferita…
dietro a quella porta la gente perde la vita!
Ma davanti a quella porta, ho perso degli amici,
persone con cui ho condiviso momenti assai felici.

Hanno aperto la porta, quest’uomo, in camice bianco,
un po' emozionato, dal volto tirato e stanco:
“Smetti di preoccuparti – mi dice – abbi fiducia,
il vostro amore è forte, tua moglie ce la farà.

Sei viva amore mio, ora grazie a Dio sei qui.
La paura è passata, ora posso ragionare.
................................................................
Lello Florio Recita questa poesia

LA SETTA
Questa poesia l'ho dedicata a chi avrebbe voluto che io, dopo aver fatto salvare la vita a mia moglie autorizzando i medici a fare la trasfusione di sangue, dichiarassi di essere pentito.
Lello Florio
‘A SETTA

Mammà, te cerco scusa, pecchè quando so’ nato,
tu pe’ me partorì, che notte ca hè passato.
Po’ cerco scusa a patemo, ca pe’ me fa studià,
ha sempe faticato, sanza se sfasterià.

Cerco perdono a te, ca mò me si’ mugliera,
pecchè ‘e prumesse mìe so state ‘na chimera.
Pure da ‘e figlie m’e desidero ‘o perdono,
si ‘e vote, come padre, nun songo stato buono.

Però, chiù ‘e tutte quante, pe’ comme so’ fatt’io,
i’ sento assale bisogno, ‘e cercà scusa a Dio.
Quant’anne aggio passato, appriess’a cierta gente
ca m’ha levato tanto e nun m’ha dato niente.

Gente che del sapere n’ha fatto ‘nu mestiere,
‘mmiscanno ‘e cose false, cu chelle ca so’ overe.
Quand’uno chiù se pensa ca isso è intelligente,
chiù s’avessa convincere ca ‘un sape ‘o riesto ‘e niente.

Però, ce sta ‘na cosa di cui nun so’ pentito,
nun aggia cerca scusa, anzi ringrazio Dio,
ascenno ‘a ‘int’a ‘sta “setta”, aggio salvato ‘a vita
‘e chi me vo’ chiù bene. A essa e ‘e figlie mìe.
...................................................................
Chi è Lello Florio
Il suo libro di poesie


Cliccare sulla copertina per acquistare il libro online
Crisi di coscienza,
Fedeltà a Dio
o alla propria religione?
Di Raymond Franz,
già membro del
Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova
Click sull'immagine per
accedere alla pubblicazione
 
   
       
 
   
       
19/08/2019
Torna ai contenuti