Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Saturday, 16 February 2019 19:14
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: LIBRO CONSIGLIATO

libro: Crisi di Coscienza

Crisi di coscienza.
Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Quasi nulla si sa dei "vertici" che guidano i Testimoni di Geova, di cosa accade durante le loro sedute deliberative, dei criteri che guidano le loro decisioni, spesso di enorme impatto nella vita dei fedeli: neppure gli aderenti ne sono al corrente. Terribilmente penetrante è il controllo esercitato sui "fratelli". Il libro testimonia il meccanismo che ha condotto uno di questi uomini, membro del Corpo direttivo, a entrare in una crisi di coscienza tale da fargli abbandonare il gruppo, e in esso una posizione di grande prestigio sociale, dopo 58 anni di appartenenza. (continua)

Spigolature
Non tutti sanno che...
"Dio non ha mai proibito le trasfusioni" Questo è quello che si legge in un'edizione della rivista "Consolazione" (ora "Svegliatevi!) degli anni '40: «Dio non ha mai giustificato determinazioni che proibiscono l'uso del sangue. È un'invenzione degli uomini che, come i farisei, non prendevano in considerazione la misericordia e l'amore di Geova. Servire Geova con tutta la nostra mente significa non escludere il nostro intendimento, specialmente se si tratta di una vita». — Consolazione (ed. olandese) del 1/9/1945, p.29. Questa posizione moderata non venne comunque adottata dal Corpo Direttivo. Attualmente i TdG considerano il ricorso alle trasfusioni di sangue, anche in casi di assoluta emergenza, una violazione della legge di Dio. Una veduta completamente opposta a quella espressa nella succitata rivista.

:: LEGGI E SENTENZE ::

Disegni di Legge sul plagio

Considerato che l'attività di gruppi di sette o associazioni settarie sono un fenomeno in pieno sviluppo, sempre più multiforme, ovunque nel mondo, e che anche in Italia la diffusione, l'incidenza e l'allarme sociale conseguente a fenomeni estremi di controllo mentale, hanno reso attuali e necessari provvedimenti di carattere legislativo. Alcuni membri del Senato Italiano si sono attivati con strumenti specifici quali Disegni di Legge che hanno lo scopo di contrastare:

"una tecnica capace di distruggere l'identità di un individuo. un sistema di influenze capaci di distruggere e sostituire l'insieme di credenze, comportamenti, modi di pensare, metodi di interazione con il prossimo. Una diversa fisionomia mentale che l'individuo non avrebbe mai scelto e mai accettato con la sua vera identità" [1].

Il Convegno di Firenze "Menti in Ostaggio" [link] si propone di fare una panoramica sulla situazione presente. In quell'ambito tre Senatori esporranno i loro Disegni di Legge e le motivazioni che li hanno convinti a promuoverli. I senatori in questione sono: Francesco Bosi, Renato Meduri e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Sotto riportiamo parti dei loro D.L.

DISEGNO DI LEGGE N. 4605
Sen. Francesco Bosi

1.     È istituita, ai sensi dell'art.82 della Costituzione, una Commissione parlamentare di inchiesta sulle sette e sulle attività ad esse connesse con il compito di:

a)     verificare l'attuazione delle leggi vigenti al fine di proporre una soluzione normativa contro le pratiche illegali delle stesse ed i danni che  causano alla società, alle famiglie ed, in particolare, ai minori;
b)    verificarne i comportamenti sotto l'aspetto finanziario e fiscale ed in particolare quelli relativi alle consistenze patrimoniali, ai legami finanziari internazionali e alle capacità di interferenza nel sistema economico del paese;
c)    svolgere indagini atte a far luce sul sistema organizzativo delle sette e le ripercussioni che questo ha per la salvaguardia dell'ordine pubblico ed il rispetto dei diritti della persona;
d)    individuare eventuali connessioni illecite con la criminalità organizzata;
e)     accertare le condizioni di vita e l'ottemperanza degli obblighi scolastici dei minori che vivono in comunità;
f)      individuare gli abusi inerenti alla pratica della professione medica;
g)    verificare l'utilizzo di sistemi illeciti di manipolazione mentale finalizzati all'indottrinamento degli adepti;
h)    accertare l'identità del fenomeno delle vittime delle sette con particolare riguardo ai danni fisici psichici e morali patiti dagli ex-adepti e dai minori;
i)       riferire al parlamento al termine dei lavori e ogni qual volta se ne ravvisi la necessità.

DISEGNO DI LEGGE N. 800
Sen. Renato Meduri

Art 1.
1        Chiunque, mediante violenza, minacce, suggestioni o con qualunque altro mezzo, condizionando e coartando la formazione dell'altrui volontà, pone taluno in uno stato di soggezione tale da escludere o limitare la libertà di agire, la capacità di autodeterminazione e quella di sottrarsi alle imposizioni altrui, è punito con la reclusione da sei a dodici anni.
2        Costituisce aggravante se tramite i mezzi indicati al comma 1, la vittima è indotta a compiere atti lesivi o pericolosi per la propria o per l 'altrui integrità fisica o psichica.
3        Se i fatti previsti nei commi 1 e 2 sono commessi in danno di persona minore di anni diciotto, la pena non può essere inferiore a dieci anni di reclusione.

DISEGNO DI LEGGE N. 1777
Sen. M. Elisabetta A: Casellati

Art 1.
1        Dopo l'articolo 613 del codice penale è inserito il seguente: "Art 613-bis - (Manipolazione mentale).
Chiunque, con violenza, minacce, mezzi chimici, interventi chirurgici o pratiche psicagogiche di condizionamento della personalità, pone taluno in uno stato di soggezione tale da escludere la capacità di giudizio e la capacità di sottrarsi alle imposizioni altrui, al fine di fargli compiere un atto o determinare un'omissione gravemente pregiudizievoli, è punito con la reclusione da quattro a otto anni.
Se il fatto è commesso nell'ambito di un gruppo che promuove attività che abbiano per scopo o per effetto di creare o sfruttare  la dipendenza psicologica o fisica delle persone che vi partecipano, le pene di cui al primo comma sono aumentate di un terzo".

[1] Steven Hassan, Mentalmente Liberi, ed. Avverbi, 1999, Roma.

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

 

REALIZZAZIONE TECNICA A TITOLO GRATUITO: TAGLAB ST

Privacy Policy | Cookie Policy

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici