Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Monday, 22 April 2019 06:59
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: LIBRO CONSIGLIATO

libro: Crisi di Coscienza

Crisi di coscienza.
Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Quasi nulla si sa dei "vertici" che guidano i Testimoni di Geova, di cosa accade durante le loro sedute deliberative, dei criteri che guidano le loro decisioni, spesso di enorme impatto nella vita dei fedeli: neppure gli aderenti ne sono al corrente. Terribilmente penetrante è il controllo esercitato sui "fratelli". Il libro testimonia il meccanismo che ha condotto uno di questi uomini, membro del Corpo direttivo, a entrare in una crisi di coscienza tale da fargli abbandonare il gruppo, e in esso una posizione di grande prestigio sociale, dopo 58 anni di appartenenza. (continua)

Spigolature
Non tutti sanno che...
Quando i trapianti erano considerati cannibalismo...: «È significativo che quelli che sono stati sottoposti a trapianto di cuore, quando i nervi che collegano il cuore al cervello sono tagliati, hanno gravi problemi emotivi dopo l’operazione. ... non si può escludere che questo sia uno dei vari fattori che causano le gravi aberrazioni mentali e il disorientamento osservato dai medici in quelli che hanno subìto un trapianto di cuore. Una cosa è certa, perdendo il loro proprio cuore, sono stati privati delle facoltà del “cuore” edificate in loro col passar degli anni e che contribuivano a renderli quello che erano in quanto alla personalità. » (“La Torre di Guardia” del 15/8/1971). In seguito i trapianti vennero considerati "questione di coscienza" e questi "intendimenti" vennero abbandonati. Si veda nel sito la pagina www.infotdgeova.it/dottrine/cuore.php

:: LETTERE DAI TESTIMONI ::

Lettere dai Testimoni di Geova
(seconda parte)

Daniele, dopo aver letto la pagina Perché si diventa Testimoni di Geova, mi scrive:

Io mi chiamo Daniele, sono un TdG.
Ho letto le tue parole e mi sono venute in mente molte cose, mi sono chiesto perchè quando una persona decide di uscire dalla verità deve cercare delle scuse, un appoggio morale da altri che hanno fatto il suo stesso passo. Probabilmente è la necessità di trovare una via d'uscita pulita per la propria coscienza.
Nella tua dissertazione su come si diventa Testimoni di Geova minimizzi i comportamenti delle persone riducendoli alla tua esperienza personale dettata da una situazione di solitudine e necessità di cambiamento. Non tutti hanno accettato la verità perchè erano soli in un posto che non conoscevano.
Perchè continui a chiamare i Testimoni di Geova una setta? Dopo 15 anni avresti dovuto capire che non è così.
Andando avanti ho visto che hai accusato i tuoi ex fratelli di non considerarti come i nuovi che entravano ma se ci pensi è un comportamento normale che si presti più attenzione a chi non conosce, come una madre che ha molti figli presta più cure al nuovo nato.
Un'altra domanda che mi viene alla mente è perchè ti accanisci solo contro i Testimoni e non contro le altre associazioni, forse erano perfette?
Molte volte la verità è talmente semplice che non riusciamo ad accettarla e cerchiamo risposte complesse illudendoci che siano migliori.
Non ti è mai balenata per la mente l'idea di essere tu ad un livello minore di intuizione e i Testimoni ad un livello superiore. Ti stai illudendo di vedere le cose in modo più critico e profondo ma forse sei rinchiuso nel tuo mondo di domande senza risposte quindi senza confini e pensi di essere culturalmente più raffinato di quegli stupidi dei Testimoni che non hanno i mezzi necessari per confrontare le informazioni che ricevono dallo schiavo con quelle che il mondo vero gli offre.
Tu parli di affrontare e nelle tue parole si legge un chiaro sentimento di rancore verso i tuoi ex fratelli.
Perchè affrontare, a suo tempo tu hai accettato di diventare Testimone liberamente , nessuno ti ha obbligato e liberamente ne sei uscito.
Hai cercato l'appoggio di altre persone che come te cercavano un appoggio morale per giustificare e mettere a tacere la loro coscienza. Chiedi aiuto per sapere cosa fare e in cosa credere ma tu sai già quello che è giusto o sbagliato per te e non devi fare altro che cercarlo nella tua anima non nelle esperienze diverse di persone che non conosci.
La mia coscienza è imprigionata da catene simili alle tue e spero di liberarmene ma non accusando altri del mio comportamento perchè siamo liberi di fare quello che vogliamo.

Risposta:

Io mi chiamo Daniele, sono un TdG.

Ciao Daniele,
Innanzitutto permettimi di farti notare che, quando una persona scrive ad un estraneo, è semplicemente corretto o educato iniziare il discorso con alcuni formali convenevoli. Non lo dico per farti un rimprovero ma solo per evidenziare come, fra i TdG, l'ubbidienza e la sottomissione alle direttive di Brooklyn è così totale da far "dimenticare" anche questi dettagli.  Quando tu incontri per la prima volta una persona, per di più estranea, non inizi il discorso in maniera così diretta, vero? Dire semplicemente "buongiorno" significa forse disubbidire alla volontà di Dio? In tal caso mi potresti dire quale passo biblico giustifica questo tuo comportamento? Non mi citare, per favore, la seconda lettera di Giovanni, perché, come può notare chiunque legga interamente il passo, lì l'apostolo esortava i cristiani ad evitare gli anticristi, coloro cioè che andavano appositamente nelle case per diffondere insegnamenti fondamentalmente contrastanti con la fede. Costoro insegnavano che Gesù non era il Figlio di Dio venuto nella carne e con ciò negavano il Fondamento stesso del Cristianesimo. Accogliere in casa amichevolmente questi propagandisti, che si proponevano di allontanare i fedeli dall'insegnamento del Cristo (e non di qualche organizzazione umana), significava divenire partecipi e complici della loro eresia (mi chiedo a questo proposito come gli altri cristiani - per molti dei quali  i TdG sono anticristi che vanno nelle loro case allo scopo di allontanarli dalla fede - dovrebbero trattare i Testimoni; meno male che la maggioranza delle persone è più tollerante e di mente aperta di loro...).

Il mio comportamento non ha nulla a che vedere con tutto questo: io non ho negato alcuna verità fondamentale insegnata da Cristo e non sono mai andato nelle case di TdG a propagandare le mie idee, che rimangono comunque "cristiane". Sei tu invece che con questa lettera sei "entrato in casa mia".  E se lo sapessero i tuoi "anziani"? Cosa accadrebbe? Ti sembra coerente questo fatto? Tu mi scrivi per biasimare la mia condotta, basandoti su qualcosa che ho scritto, e lo fai all'insaputa dell'Organizzazione, che proibisce questi contatti con gli ex... C'è davvero di che riflettere (cfr. Matteo 7:1).

È comunque vero che io ho dissentito e dissento da numerosi insegnamenti della Watch Tower che ritengo contrastino con le Scritture, la Storia e la Verità. Nel mio sito espongo riflessioni e ricerche in merito e invito chiunque lo desideri ad un dialogo e ad un confronto sulle tematiche esposte. Parlo anche della mia esperienza, dei motivi che mi hanno indotto a diventare Testimone di Geova e a lasciare poi, dolorosamente, il gruppo. Perfino alcuni Testimoni mi hanno scritto complimentandosi per la chiarezza, l'accuratezza, la logica e l'onestà con cui ho esposto questo materiale. So bene che la stragrande maggioranza dei "fratelli" non leggerà nemmeno una riga delle mie pagine, bollando il tutto come "apostasia", e questo nonostante una recente Svegliatevi! stigmatizzi come "tecnica propagandistica" la consuetudine di etichettare qualcuno senza conoscerne idee e argomentazioni: ma non è questo lo stesso pregiudizio che i Testimoni deplorano venga molto spesso manifestato nei loro confronti? (cfr. Matteo 7:5). Alcuni vanno oltre tutto questo e sono arrivati al punto di "consigliare" ai miei genitori (anch'essi TdG) di non accogliermi in casa. Proprio situazioni come questa, nel loro assoluto estremismo, mettono in evidenza la fondamentale mancanza dello spirito di Cristo esistente nell'organizzazione: sicuramente, infatti, Gesù non avrebbe agito in questo modo (cfr. Matteo 7:12). Queste sono le cose su cui è necessario riflettere. Credo che ogni persona normale, dotata di sentimenti, reagirebbe nel mio stesso modo in situazioni come la mia.

Ho letto le tue parole e mi sono venute in mente molte cose, mi sono chiesto perchè quando una persona decide di uscire dalla verità deve cercare delle scuse, un appoggio morale da altri che hanno fatto il suo stesso passo. Probabilmente è la necessità di trovare una via d'uscita pulita per la propria coscienza.

Sinceramente faccio fatica a seguire il tuo discorso. Mi sembra che tu stia esprimendo dei generici giudizi nei miei confronti senza conoscere a fondo la realtà dei fatti. Io ho cercato solidarietà nelle persone in cui potevo trovarla.  Credo che tu non capisca quello che significa essere completamente abbandonati, evitati ed emarginati per le proprie scelte. Almeno fra gli ex trovo persone che mi ascoltano e con le quali posso avere un dialogo.  Ma comunque non devo certo giustificarmi per le compagnie che ora frequento. La maggioranza delle mie attuali conoscenze (non parlo solo degli ex) mi accettano per quello che sono e sinceramente, senza ipocrisie imposte e comportamenti preconfezionati, mi dicono in faccia quello che pensano. Credo che nella "realtà" vera sia possibile anche trovare dei veri  amici.

Nella tua dissertazione su come si diventa Testimoni di Geova minimizzi i comportamenti delle persone riducendoli alla tua esperienza personale dettata da una situazione di solitudine e necessità di cambiamento. Non tutti hanno accettato la verità perchè erano soli in un posto che non conoscevano.

Ho esposto una parte delle ragioni che inducono molti ad unirsi ai TdG e ad altre sette similari. Io non ho scritto  che le motivazioni sono sempre identiche. In moltissimi casi comunque è certamente per l'"atmosfera" del gruppo (non parlo solo dei TdG) che molti vi aderiscono, come confermano numerosi studi sociologici.

Perchè continui a chiamare i Testimoni di Geova una setta? Dopo 15 anni avresti dovuto capire che non è così.  

Ma perché ai TdG dà tanto fastidio essere definiti una setta? Non erano chiamati "setta" anche i primi cristiani? Premesso che io ho usato pochissime volte il termine "setta" nel riferirmi ai TdG, credo che l'uso di tale parola, come si legge nel libro Ragioniamo, sia più che appropriato nei loro confronti. Sicuramente, infatti, i TdG seguono dei capi umani, caratteristica che li accomuna alle tante sette oggi esistenti (Ragioniamo p.392, §2).

I TdG, oltre ad essere un gruppo minoritario, sono chiusi, intransigenti, non ammettono alcuna critica o dissenso e chiedono un'adesione assoluta a regole e norme umane, anche a costo della vita. Se essi non sono una «setta», come si dovrebbero definire? Particolarmente significativa in merito è la frase di uno specialista in culti che, nel libro Mentalmente liberi: come uscire da una setta (Steven Hassan ed. Avverbi, Roma, 1999), scrive: «Cosa provi nei confronti degli ex membri del tuo gruppo? Ti sei mai seduto a parlare con uno di loro per capire come mai se ne sia andato? E se non l'hai fatto, perché? Il tuo gruppo proibisce forse la comunicazione con gli ex adepti? [...] Qualsiasi associazione pienamente legittima non scoraggia mai il contatto con gli ex affiliati. Allo stesso modo i gruppi regolari, pur essendone dispiaciuti, non sollevano obiezioni nei confronti di chiunque se ne voglia andare. I culti distruttivi, invece, non accettano mai i motivi che un affiliato adduce per la sua dissociazione, mentre fanno di tutto per instillare nei discepoli paure e fobie, in modo da assicurarsi che si tengano lontani da persone critiche ed ex membri» (p.158).

Interessante vero? A quale tipo di gruppo sembrano corrispondere i TdG, secondo le parole di questo studioso? Ai gruppi «regolari» o ai «culti distruttivi», altrimenti detti sette?  Come ti sentiresti se non potessi più frequentare liberamente nemmeno i tuoi stessi parenti e familiari perché hai lasciato l'organizzazione? Mi sai dire in quali altre realtà "religiose" esistono situazioni simili a questa?

Andando avanti ho visto che hai accusato i tuoi ex fratelli di non considerarti come i nuovi che entravano ma se ci pensi è un comportamento normale che si presti più attenzione a chi non conosce, come una madre che ha molti figli presta più cure al nuovo nato.

I nuovi vengono premurosamente circondati di attenzioni per coinvolgerli nel gruppo. Questo è una cosa risaputa, senza bisogno di fare esempi patetici.  Il vero amore invece non fa distinzioni e non viene mai meno (1Cor.13).

Un'altra domanda che mi viene alla mente è perchè ti accanisci solo contro i Testimoni e non contro le altre associazioni, forse erano perfette?

Parlo della mia esperienza, di quello che ho vissuto personalmente e che quindi conosco meglio. Non credo poi sia corretto l'aggettivo "accanirsi". Da qualche tempo mi interesso anche della setta "Raeliana" e sto costruendo una pagina per smascherare gli errori e gli inganni di questo gruppo.

Molte volte la verità è talmente semplice che non riusciamo ad accettarla e cerchiamo risposte complesse illudendoci che siano migliori.

Concordo. Per esempio, rifiutare una trasfusione di sangue per ubbidire ad una tortuosa interpretazione di alcuni versetti è sicuramente un modo "complesso" (uso un eufemismo) di rispondere a questioni semplici. E questo vale per molti altri insegnamenti della Watch Tower.  

Non ti è mai balenata per la mente l'idea di essere tu ad un livello minore di intuizione e i Testimoni ad un livello superiore. Ti stai illudendo di vedere le cose in modo più critico e profondo ma forse sei rinchiuso nel tuo mondo di domande senza risposte quindi senza confini e pensi di essere culturalmente più raffinato di quegli stupidi dei Testimoni che non hanno i mezzi necessari per confrontare le informazioni che ricevono dallo schiavo con quelle che il mondo vero gli offre.

Non si tratta di intuizione ma di affrontare la realtà dei fatti: i Testimoni sbagliano in molti loro insegnamenti. Vi sono numerose evidenze bibliche, storiche e scientifiche a dimostrarlo. Per esempio, perché non esamini con attenzione il mio studio su Daniele? Non si può non accorgersi che la Watch Tower travisa deliberatamente il contenuto di questo libro. Molti si rendono conto degli errori ma si sottomettono e stanno zitti per evitare  conseguenze "disciplinari". Ecco, per esempio, quanto mi ha scritto qualche tempo fa un TdG che vive all'estero: "Non scriviamo la lettera di disassociazione perché molti dei nostri parenti sono ancora molto attivi e soprattutto mia moglie è attaccata a sua sorella e non vorrebbe rompere i contatti".  Queste tristi situazioni  si ripetono molto frequentemente.

Tu parli di affrontare e nelle tue parole si legge un chiaro sentimento di rancore verso i tuoi ex fratelli.

Può darsi che vi sia anche del rancore nelle mie parole, ma questo è umano, io ho dei sentimenti, non sono insensibile. Forse un giorno riuscirò ad essere completamente sereno, felice e contento,  ma per ora non ci riesco. In ogni modo cerco di mostrare amore verso tutti, anche verso i TdG.  Il rispetto per le idee altrui e l'amore per il prossimo non esclude la critica fondata e ragionevole.

Perchè affrontare, a suo tempo tu hai accettato di diventare Testimone liberamente , nessuno ti ha obbligato e liberamente ne sei uscito.

E altrettanto liberamente parlo della mia esperienza per aiutare altri ad evitare di farsi coinvolgere nel gruppo e  dover poi subire le conseguenze sociali, familiari ed affettive che comporta abbandono. I Testimoni si lamentano molto spesso di essere oggetto di accuse ingiuste e dell'intolleranza altrui: perché non cominciano allora con il dare l'esempio, rispettando davvero la coscienza dei propri aderenti e le scelte di coloro che lasciano ? Dire, come essi fanno: "Sei libero di lasciare la congregazione, ma se lo fai per noi sarai come morto, nessuno ti degnerà di alcuna considerazione; i tuoi familiari dovranno evitarti; tutte le persone che hai conosciuto in tutti gli anni passati insieme a noi per te non esisteranno più", significa davvero rispettare la libertà altrui? O si tratta invece di una forma di ricatto morale ed affettivo?

Hai cercato l'appoggio di altre persone che come te cercavano un appoggio morale per giustificare e mettere a tacere la loro coscienza. Chiedi aiuto per sapere cosa fare e in cosa credere ma tu sai già quello che è giusto o sbagliato per te e non devi fare altro che cercarlo nella tua anima non nelle esperienze diverse di persone che non conosci.

Io credo invece che il confronto e il dialogo siano sempre qualcosa di positivo. Dialogare comunque significa accettare di mettere in discussione se stessi e le proprie convinzioni, riconoscendo che possono anche essere sbagliate. Questo dovrebbe valere anche per i TdG, non credi?

La mia coscienza è imprigionata da catene simili alle tue e spero di liberarmene ma non accusando altri del mio comportamento perchè siamo liberi di fare quello che vogliamo.

Vuoi liberarti delle catene? Sei imprigionato nella coscienza? Scusa, forse non ho capito: sei un "leale TdG" o qualcuno che vuole lasciare la "setta"? Davvero credi di essere libero? (cfr. Prov.18:17). 

Auguri e saluti cordiali (Matteo 5:47).
Achille Lorenzi

Un TdG disassociato, che però si mostra "pentito" e vuole ritornare nella congregazione, ha inviato un messaggio al sito di un altra persona, anch'essa ex TdG, riferendosi però al contenuto delle mie pagine. Il messaggio era semplicemente firmato "Leon" e privo di indirizzo e-mail:

Leon mi ha scritto:
«Credo che tu stia sbagliando nel modo più assoluto».
Caro Leon, a proposito di errori, ti faccio notare che hai spedito il tuo messaggio all'indirizzo sbagliato. Commenti le pagine del mio sito e scrivi ad un altro.
Forse, se tu avessi letto con maggiore calma ed attenzione le cose che ho scritto, ti saresti accorto della differenza ;-).

«Le esperienze che hai raccolto sono delle "cavolate" raccontate per screditare il popolo di Geova. In effetti si tratta per lo più di punti di vista e sensazioni. Lo sai che i TdG ci tengono alle famiglie unite, anche se religiosamente divise, guarda i milioni di esempi di famiglie felici ma religiosamente divise (nella mia congregazione ci sono diverse famiglie in questa condizione ed io conosco e sono amico di molti mariti "increduli")».
Le esperienze che ho raccolto nel mio sito (vedi qui ) sono vere ed autentiche e riflettono la realtà esistente nella congregazione, quello che accade quando qualcuno cessa di farne parte. Lo so che ai TdG e ai loro simpatizzanti da fastidio che queste cose vengano dette, ma io mi limito a riportare fatti e testimonianze. Se rifletti con più calma e serenità non puoi che riconoscere la loro autenticità.

«Poi le illazioni sulla TNM, sul CD, sull'interpretazione delle scritture...».
Non si tratta di illazioni. Molti studiosi di greco ed ebraico affermano che la Traduzione del Nuovo Mondo (TNM) è fatta ad uso e consumo dei TdG.
Ecco alcuni esempi:
«Il prof. H.H. Towley (…) afferma (riferendosi alla Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture Ebraiche in inglese): ‘I traduttori dichiarano di presentare una versione in inglese moderno che sia la più fedele possibile. (…) La traduzione è segnata da una impacciata interpretazione puramente letterale che esaspererà soltanto qualsiasi lettore intelligente (…) Dall’inizio alla fine questo volume è un fulgido esempio del modo in cui la Bibbia non dovrebbe essere tradotta" (Australian Record del 20-5-1974, pag. 6 – citato da ‘Witness’ vol.1, 1975- n°1).
Henry J. Heydt giunse alla seguente conclusione poco lusinghiera dopo aver esaminato la TNM: "Consideriamo la TNM un grossolano insuccesso (…), ed un travisamento di parte compiuto ai danni della Sacra Parola di Dio’." Non meno condannatorio è il giudizio espresso da Ray C. Stedman: ‘Un accurato esame, che va al di là dell’esteriore apparenza di erudizione (dei traduttori), rivela un autentico miscuglio di fanatismo, ignoranza, pregiudizio e parzialità, che viola ogni forma di critica biblica ed ogni base di dotta integrità’".
In una occasione il prof. J.R. Mantey, citato diverse volte nelle pubblicazioni del CD, così si espresse riguardo alla TNM: "Dopo aver studiato la loro erronea traduzione in centinaia di versetti del Nuovo testamento, si è chiarita in me la convinzione che quando la Scrittura era in disaccordo con i loro particolari insegnamenti, essi deliberatamente l’hanno tradotta in modo erroneo oppure hanno alterato il testo al punto tale che potrebbe sembrare che ci sia qualche apparente sostegno per le loro opinioni non scritturali (…). Ma ciò che è di gran lunga peggio, essi (i traduttori della TNM) si sono resi colpevoli di deliberato inganno: Ciò rende la loro traduzione detestabile’». Cit. da A. Aveta, "Analisi di una setta", pagg. 30,31).

Ohè, ma ci sei con la testa!!! Manca solo che dai credito a quel demente che ha insinuato che ci sono immagini subliminali nelle pubblicazioni WT!!!

Anche queste "insinuazioni" non sono del tutto prive di fondamento. Io non ho ancora trovato una spiegazione convincente al perché in alcune pubblicazioni della Società si intravedano strane ed inquietanti figure. Te ne segnalo alcune che ho  scoperto recentemente e che puoi visualizzare in questa pagina.

Io conosco personalmente i membri del CD, non mi pare si siano mai glorificati nell'onnipotenza, anzi, sono le persone più umili che abbia mai conosciuto!!! A proposito, tu li hai mai conosciuti? Fatti un viaggetto a Brooklyn e poi sappimi dire...

A proposito di persone che hanno conosciuto personalmente i membri del Corpo Direttivo, perché non ti leggi qualche libro di R. Franz, che è stato un componente di tale Direttivo? Secondo la sua diretta testimonianza, tanto per fare un esempio, molti membri del CD non andavano mai di casa in casa... È certo, tanto per rimanere nello stesso argomento, che nemmeno Rutherford è mai andato di casa in casa a predicare (cfr. Matteo 23:3b).

Se l'interpretazione delle scritture è errata, come ad esempio il segno composito, mi sai dire perché si adempie tutto così bene.

Penso che le me pagine sul "segno" siano sufficientemente chiare. La Società vuol far credere che dal 1914 ci sia stato un intensificarsi delle calamità sulla terra. I fatti storici non sostengono queste sue pretese.

A questo punto credo proprio che chi stia sbagliando sia TU, e non i 6.000.000 di persone di cui facevo parte.

Sbaglio io e gli oltre sei MILIARDI di persone che non fanno parte dei TdG, naturalmente...

In quanto alla disassociazione, quale provvedimento è più amorevole di permettere alle persone come me di riflettere sui propri errori? Ti ricordo che lo Stato imprigiona i delinquenti ed i maniaci, i sovversivi ed i ribelli.

Io non so cosa tu abbia fatto per essere disassociato. Ho parlato ampiamente di questo argomento nel mio sito e non voglio ripetermi. Ribadisco solo che, pur avendo ogni chiesa o religione il diritto di stabilire regole e norme disciplinari al suo interno, non è certamente giusto e cristiano che tale "disciplina" comporti il più totale ostracismo e colpisca chi dissente o chi sbaglia negli affetti, nelle amicizie e perfino nei più intimi legami familiari: anche i peggiori criminali di questo "mondo malvagio" - per restare nel tuo esempio - quando vengono incarcerati, ricevono le visite di familiari ed amici, possono scrivere, telefonare, avere dei contatti con le persone che conoscono. Fra i TdG nemmeno questo umano e naturale comportamento è consentito!

Un'ultima nota va sul comportamento della chiesa. Molti apostati come te (SEI UN APOSTATA PERCHÈ ALTERI LE VERE DOTTRINE ED INSEGNI IL FALSO).

Libero di pensare quello che ti pare. Sappi comunque che io non ho negato nulla delle Scritture; mi sono limitato a criticare gli insegnamenti della Watch Tower, e credo che vi sia una sostanziale differenza in questo. Giudicare qualcuno che dissente dalle interpretazioni umane ed erronee del CD, definendolo apostata, equivale ad esprimere nei suoi confronti un giudizio di definitiva condanna. Ti dicono nulla a questo proposito le parole di Gesù in Matteo 5:22?

Ti rendi conto che l'immutabilità della chiesa somiglia più ad una mancanza di umiltà che ad una fonte di stabilità? Ti rendi conto che l'insegnamento della trinità è stato inventato facendo uno scempio delle scritture? Ti rendi conto della fornicazione spirituale commessa dalla chiesa nel 300 EV al congresso di
Nicea? Ti rendi conto dell'odio tra tifosi di squadre diverse, tra soldati di nazioni diverse, ecc. ma della stessa religione (leggi cattolici, protestanti, indù, islamici)? Ti rendi conto che nessuna religione, a parte i TdG, promuovono l'unità e l'amore per il prossimo?

Io mi rendo conto di una cosa chiarissima, e la possono notare tutti coloro che ti leggono: TU manifesti odio, rabbia e livore in quello che scrivi. Perché questo tono così ostile? Nel mio sito mi sono espresso con civiltà e correttezza, senza insultare nessuno. Questo tuo stesso spirito aggressivo viene manifestato spessissimo dai TdG, specialmente quando criticano le altre fedi e religioni. Penso che se i TdG ne avessero avuto il potere e l'autorità avrebbero commesso gli stessi errori delle chiese che tanto disprezzano, a giudicare dall'odio viscerale che manifestano nei confronti di chi non la pensa come loro o che dissente dai loro insegnamenti...

Secondo te, se fossi ancora TdG e vedessi un disassociato o un apostata in difficoltà, lo lascerei nella fogna o l'aiuterei? Gesù dice "ama il prossimo tuo", certo, i miei più prossimi sono prima i familiari e poi i miei fratelli di fede, ma la Società ci ha sempre insegnato a considerare le persone al di fuori come "fratelli raffreddati che abbisognano del nostro amore".

Questa tua domanda mi ricorda un articolo della Torre di Guardia, uscito nel 1975, in cui si ricordava ai TdG il dovere di aiutare anche i disassociati che si trovassero in pericolo di vita. La Società ritenne necessario sottolineare la correttezza di tale comportamento, dato che alcuni, evidentemente, ritenevano sbagliato agire umanamente anche in queste estreme circostanze. Non chiarisci cosa intendi per aiuto a disassociati o "apostati" "in difficoltà". Sicuramente comunque nessun "leale" TdG darebbe un aiuto economico ad un "apostata", gli offrirebbe un posto di lavoro, o un appartamento in affitto, anche se ne avesse estremo bisogno. Nessun TdG andrebbe a trovare un "apostata" all'ospedale, anche se fosse in fin di vita, anzi, molti si augurerebbero una sua rapida morte :-(.
L'ostracismo verso i disassociati non ha alcuna base scritturale e contraddice apertamente lo spirito del cristianesimo. Anche le persone di fuori, nella mente dei TdG, sono nell'assoluta maggioranza, considerate meritevoli di distruzione eterna e questo condiziona in maniera radicale il comportamento che i Testimoni mostrano nei loro confronti.

Spero che pubblichi questa mia lettera. O per caso devo dire che non hai il coraggio di affrontarmi? A te la scelta.

Anche qui non capisco la ragione di questo tono di sfida. Non mi pare proprio che il tuo modo di pensare sia conforme, anche in queste tue parole conclusive, allo spirito del, Vangelo (cf. 2Tim. 2:24-26).
Un'ultima cosa: ti ricordo che chi dice di avere il coraggio delle proprie idee ed opinioni si firma per esteso.

Saluti cristiani
Achille Lorenzi

Messaggio originale
Da: Raf Inviato: sabato 24 marzo 2001 14.53
A: achille.lorenzi@tin.it 
Oggetto: ha scritto solo un mucchio di stupidaggini....

Se pensa davvero di aver criticato i Testimoni di Geova se pensa davvero di aver SMASCHERATO i Testomoni di Geova allora proponga una verità alternativa, ci mostri qual'è un'altro modo migliore di adorare, qual'è il Vero popolo di Dio. Se conosce la Bibbia saprà che Dio ha sempre avuto un'organizzazione, un popolo. Qual è oggi secondo lei?

Ciao Raf, Grazie per il tuo messaggio.
Evidentemente il mio sito sui TdG deve averti colpito molto.
Vorrei innanzitutto farti notare, prima di passare ai contenuti della tua lettera, che anche tu, come quasi tutti i TdG che mi scrivono, sei "entrato" virtualmente in casa mia, aggredendomi con un tono alquanto rabbioso, insultandomi (le "stupidaggini" le scrivono solo gli stupidi...) ed evitando di usare i più elementari ed educati convenevoli, tipo presentarsi e salutare Ti sembra corretto questo modo di agire? Ti comporti così anche quando vai di casa in casa?
O forse ti senti autorizzato a trattarmi in questo modo perché io sono un ex TdG, e per di più "apostata"?
So bene che i TdG non salutano di proposito gli ex membri, seguendo in questo le direttive della Watch Tower e non certo ciò che è scritto nella Bibbia (cfr. Matteo 5: 47). Anche questa regola, che porta a conseguenze assurde, mostra quanto i TdG siano stati condizionati all'ubbidienza, senza usare in ciò le loro personali capacità di giudizio e discernimento. Infatti, l'unico passo in cui la Bibbia consiglia di non salutare qualcuno è 2 Giovanni 7-11, ma è chiarissimo che li l'Apostolo stava parlando di persone che andavano nelle case di altri cristiani allo scopo di allontanarli da Cristo. La WTS strumentalizza questi versetti per i propri fini; i TdG seguono pedissequamente le sue regole, e così si giunge a situazioni paradossali, come il fatto che tu "entri" in casa mia senza salutare o altri fatti ben peggiori (ti segnalo a questo proposito una recente esperienza inviatami da un ex TdG: link, la parte sulla libertà).
In ogni modo, sappi che se vuoi davvero essere fedele fino in fondo, non avresti nemmeno dovuto leggere le mie pagine e tanto meno scrivermi. Se lo sapessero i tuoi "anziani", infatti, cosa pensi che accadrebbe? Ma, naturalmente, queste cose si fanno di nascosto... :-( . 
Riguardo poi all'"organizzazione" che, usando le tue parole, "Dio ha sempre avuto", vorrei sottoporre alla tua attenzione alcune considerazioni, sperando che tu legga fino in fondo e rifletta su quanto sto per scrivere.
Innanzi tutto dovresti sapere che è tipico di tutti coloro che appartengono a gruppi «settari» porre domande come la tua, cioè 'quale alternativa esiste se lascio il mio gruppo'. Nota per esempio cosa ha scritto uno studioso di gruppi definiti "distruttivi": «Anche se ripetono spesso la frase "Mostrami una strada che sia migliore della mia e io la seguirò", in realtà ai cultisti non viene concesso né il tempo né gli strumenti per dimostrare a se stessi la veridicità di tale affermazione: sono prigionieri di una gabbia mentale» (Mentalmente liberi: come uscire da una setta, Steven Hassan ed. Avverbi, Roma, 1999, p.126).
Le alternative naturalmente esistono, ma, per riuscire a vederle, bisogna uscire dall'ottica «settaria» ed esclusivista del gruppo. Già quindi il modo in cui tu hai impostato l'argomento rivela l'esistenza di un problema di fondo.
Affrontando comunque la questione dal tuo punto di vista, ti dico subito che io non credo più che la Watch Tower rappresenti l'organizzazione di Dio, per moltissime ragioni. Se leggi tutte le pagine del mio sito con attenzione potrai rendertene conto di persona. 
Una mia riflessione, maturata da qualche tempo, è questa: io credo che la "vera chiesa" debba essere esistita a partire dalle origini del cristianesimo. Questa può sembrare una conclusione ovvia e scontata, ma così non è se si parte dal punto di vista dei TdG.
Non ho mai trovato credibile la pretesa dei TdG - e di moltissimi altri gruppi privi, come loro, di radici storiche - di rappresentare la restaurazione del vero cristianesimo, dopo secoli durante i quali vi sarebbe stata una generale apostasia.
Il cristianesimo è stato fondato da Cristo il quale promise agli apostoli la sua costante assistenza nel corso dei secoli, fino alla fine del mondo (Matteo 28:19,20).
È vero che sarebbero cresciute le zizzanie, ma queste non avrebbero certamente eclissato del tutto, o quasi, il grano. In un campo infestato dalle zizzanie, la presenza del grano è sempre notevole anche secondo la lettera della parabola.
Per i TdG invece, nel corso di circa 16 secoli (dal 100 d.C. al 1870 ca.), i "veri cristiani" (il "grano") sarebbero stati al massimo pochi individui, su una popolazione di milioni - decine di milioni! - di "falsi cristiani" (le "zizzanie"). Un "campo" davvero strano, a dir poco: le tenebre avrebbero quindi sopraffatto per molti secoli la luce, se fosse vero quanto i Testimoni insegnano (cfr. Giov. 1:5).

È evidente tuttavia, come ho considerato nella pagina sui 144.000, che la predicazione apostolica produsse più di 144.000 discepoli, solo nel primo secolo! [Atti 1:15 ...120 discepoli, Atti 2:41,42 ...3.000 conversioni, Atti 4:4 ... 5.000 uomini (e calcolando almeno la metà sposati con figli il numero arriva ad almeno 10.000), Atti 5:14 ...sempre più uomini e donne si aggiungevano, Atti 6:1,7…crescevano (in greco moltiplicavano), Atti 9:31 … la Chiesa cresceva costantemente di numero, Atti 16:5 ...le Chiese crescevano ogni giorno di numero, Atti 21:20 ...migliaia di giudei (il greco significa miriadi, cioè multiplo di 10.000) ecc. Tutto ciò è riportato nel libro degli Atti, e a questi vanno aggiunti tutti i santi (unti) delle chiese cui scriveva Paolo: 1° Corinti 1:1-2,2:1-2 (santi dell’Acaia); Efesini 1:1; Filippesi 1:1; Colossesi 1:1-2; 1° Tessalonicesi 1:1 (alla chiesa); e Giacomo che scrive alle dodici tribù disperse nel mondo (ovviamente tribù dell’Israele spirituale)].

Ora, poiché i TdG dicono che dal 33 d.C. al 1935 esisteva solo la chiamata alla vita celeste - e solo per questo piccolo numero di persone -, ciò significa che di "veri cristiani" non ce ne sono più stati dopo il primo secolo, se tale numero (144.000) fosse da intendersi alla lettera!
Supponendo comunque che, contrariamente alle evidenze scritturali, logiche e matematiche, il numero sia letterale e vi siano stati in seguito altri appartenenti a questa presunta classe di "unti", mi chiedo: queste persone erano in qualche modo unite fra di loro in un'organizzazione? Se la risposta è sì, perché non hanno lasciato alcuna traccia di sé nella storia? Ci sono stati numerosi gruppi - anche estremamente minoritari - nel corso dei secoli che hanno diffuso idee contrastanti da quelle della chiesa dominante, ma i TdG non si identificano con nessuno questi movimenti "ereticali", né possono farlo in quanto le differenze sono più numerose delle analogie (per esempio, i Valdesi credevano e credono nella Trinità).
Quindi io mi chiedo: se per adorare Dio bisogna essere uniti ad un gruppo organizzato, come sostengono i TdG, dov'era questa organizzazione prima che Russell fondasse, nel 1879, la Watch Tower Society?
Mi sembra che l'unica conclusione ragionevole è che non esisteva nessun gruppo organizzato di "veri adoratori"; ma questo stravolge il concetto geovista che per adorare Dio in modo accettevole si debba essere uniti all'unica organizzazione di cui Dio si serve... E se fossimo vissuti 200 anni fa? Con quale gruppo organizzato avremmo dovuto associarci? Evidentemente con nessuno, dato che nessuno credeva a quello che credono ora i TdG. Non si sarebbe quindi potuto adorare Dio in maniera accettevole...
È evidente che le premesse che portano a queste conclusioni - che sono poi gli insegnamenti dei TdG sui 144.000 e sulla generale apostasia - sono del tutto sbagliate.

Ci si trova di fronte quindi a due possibilità:
1) Il cristianesimo scomparve poco dopo la morte degli apostoli e ricomparve 1700 anni dopo circa con Russell;
2) Il cristianesimo ha perpetuato la sua esistenza nel corso dei secoli, attraverso le chiese che, nonostante gli umani errori, ne hanno preservato il messaggio fondamentale.

In considerazione di quanto scritto sopra, è sicuramente la seconda conclusione quella corretta, in armonia con la Scrittura, la Storia e la logica; non ci sono valide ragioni per dubitarne, anche tenendo conto delle esperienze storiche di Israele: questa nazione, infatti, commise gravissimi errori, venendo meno infinite volte al Patto della Legge, cadendo nell'apostasia. Secondo la Bibbia, Dio punì severamente ma non rigettò mai il suo Popolo per tali infedeltà. Quando Gesù venne sulla terra riconobbe il sistema religioso esistente nel suo tempo, nonostante i suoi errori e le sue divisioni. Israele era sempre il Popolo di Dio, pur non essendo un'organizzazione monolitica: esistevano, infatti, varie correnti di pensiero al suo interno. Gesù non privilegiò una classe, un'organizzazione, o una particolare setta di credenti, ma scelse le persone - appartenenti a tale nazione - in base alla loro condizione di cuore, indipendentemente dalle correnti dottrinali a cui appartenevano. Quando poi venne il momento di sostituire la composita nazione giudaica con un altro popolo (Matteo 21:45), le prove e le evidenze di questo cambiamento vennero divinamente fornite con miracoli, segni ed effusione di Spirito Santo. Dio stesso, quindi, come al Sinai, fondò una nuova nazione cristiana, promettendo ad essa la sua continua assistenza nel corso dei secoli, fino alla fine del mondo.

Che simile evidenza abbiamo che Dio abbia scelto nel 19° secolo un esclusivo gruppetto di persone del Nord America per ripristinare il vero cristianesimo?

Non c'è alcun dubbio che sul fondamentale - per i TdG - insegnamento dei 144.000 la Società è in errore. Questo significa che il modo in cui si tiene la Commemorazione - l'adunanza più importante - è sbagliato, con tutto ciò che ne consegue. Per esempio: perché solo pochissimi presunti "unti" partecipano agli "emblemi" quando Cristo esplicitamente disse "prendetene tutti"?

È completamente sbagliata anche l'impostazione cronologica della WTS che fa del 1914 l'inizio degli "ultimi giorni". Infatti, la speculazione "profetica" basata su Daniele 4, in cui si dice che il 607 a.C. è stato l'anno della caduta di Gerusalemme, è erronea proprio a partire da tale data. Tutti gli storici, infatti, sanno con certezza che l'anno della prima conquista di Gerusalemme fu il 587 a.C. e non il 607! Questo inficia irreparabilmente tutti i conseguenti calcoli geovisti.

A proposito poi di date, qui dovrei scrivere una nuova lettera, ma per motivi di spazio e di tempo, mi limito ad alcune osservazioni: i TdG hanno detto e scritto più volte che la loro religione, essendo l'unica vera, avrebbe continuato a crescere ed aumentare. In Italia, per il secondo anno consecutivo (2000 e 2001), sono a crescita zero, e lo stesso è accaduto in altre 19 nazioni. In cinquantatre paesi sono addirittura diminuiti, e si tratta dei paesi dove sono maggiormente conosciuti. La crescita zero in Italia è avvenuta nonostante negli scorsi due anni abbiano battezzato più di diecimila persone. Ciò significa che migliaia di TdG hanno lasciato il gruppo o sono diventati inattivi. Una cosa simile non era mai avvenuta prima in Italia, nemmeno dopo la mancata fine del mondo prevista per il 1975. «Fra breve, entro il nostro ventesimo secolo, la "battaglia nel giorno di Geova" comincerà», scrissero nel 1973 (Le nazioni conosceranno che io sono Geova, p.216, corsivo mio). L'opera missionaria dei TdG sarebbe stata completata entro il 2000, scrissero ancora nella Torre di Guardia del 1/1/1989, a p.12. 

Queste e altre erronee predizioni danno ragione della crisi motivazionale esistente in molti seguaci della WTS; la fine del mondo viene continuamente spostata in avanti: 1914, 1918, 1925, 1941, 1975, "entro una generazione", entro il 2000...; anche i più tenaci testimoni di Geova, evidentemente, cominciano a non crederci più...

«Molti verranno e diranno... 'il tempo è venuto'. Voi però non ascoltateli e non seguiteli» (Luca 21:8).
Su quale "organizzazione" si sono principalmente adempiute queste parole negli scorsi 120 anni? (cfr. questa pagina )

Mi fermo qui; spero di averti fornito qualche ulteriore elemento di riflessione, oltre alle altre informazioni che ho messo in rete.

Un cordiale saluto
Achille Lorenzi

«Guardatevi dall'"organizzazione". Essa non è per niente necessaria. Le norme bibliche sono le uniche di cui avete bisogno. Non cercate di vincolare le coscienze altrui, né consentite ad altri di limitare l'esercizio delle vostre. Credete ed obbedite a quanto riuscite a capire della Parola di Dio oggi, così continuerete a crescere nella grazia nella conoscenza e nell'amore giorno dopo giorno». C.T. Russell, ne La Torre di Guardia del 15/9/1895 (qui l'articolo originale). Che accadrebbe se oggi qualche TdG si permettesse di dire le stesse cose?... (si veda anche questa pagina, link esterno)

Ottobre 2005

Lettera 1

Sent: Wednesday, October 12, 2005 3:47 PM
messaggio: Ma DOVE diamine li trovate tutti questi bugiardi satanisti disposti a scrivere menzogne diffamanti su di un organizzazione così?VERGOGNATEVI e ricordate che per i peccati contro lo spirito santo (come i vostri di apostasia)...Dio non offre perdono.

Lettera 2

Sent: Wednesday, October 12, 2005 3:56 PM
messaggio: Ma tu ti rendi conto di quello che stai facendo?Ti rendi conto di come ti considera Geova?Ti rendi conto che stai sputando sopra il riscatto di Gesù?Ma sei scemo?E'proprio vero...questo sito mi ha aiutato a capire quanto SEMPRE PIù STRETTAMENTE IO DEBBA STRINGERMI A GEOVA...ricorda ciò che disse Geova a Daniele riguardo al Re..."il suo alito è nella mia mano"...gli basterà soffiare appena per porre fine alle tue menzogne e alla tua vita...hanno fatto bene a disassociarti...sei solo un apostata satanista...daltr'onde non fai che confermare ciò che dice la Bibbia con le tue azioni...ci saranno fra voi lupi vestiti da agnelli...ma francamente credere alle menzogne di Satana è proprio da stupidi...Comunque GRAZIE perchè mi rendo conto sempre più quanto è URGENTE stare vicino a Dio...non senti anche tu con un po di timore avvicinarsi il giorno di Geova?RICORDA che nemmeno sulle montagne avrai scampo...LUI ti troverà ovunque...e ti chiederà conto delle tue azioni...cosa gli dirai,apostata?!

Lettera 3

Sent: Wednesday, October 12, 2005 4:03 PM
messaggio: Io non ti capisco,come non capisco gli apostati che come te lasciano la via giusta per tornare a rivoltarsi nel proprio vomito come la scrofa...(del resto non capisco nemmeno Satana quando ha OSATO sfidare Dio)...ma cosa speri di ottenere?In genere chi diventa apostata sa quello che stà facendo e quindi mi domando come domanderei a colui che ha dato del bugiardo a Dio...MA COSA SPERATE DI OTTENERE?...tanto sai che Dio alla fine ti ucciderà e quindi perchè cercare a tutti i costi la morte?Forse SAtana ti promette di darti di più?E cosa?Ricchezza?Gloria?Lo sai che è tutto correr dietro al vento,vero?Lo sai che tutto il godimento temporaneo del peccato che lui ti concede adesso te lo porterai nell'abisso con chi te lo ha dato,vero?E che ti trascinerai la tua famiglia?Ma è davvero quello che vuoi...servire un padrone a cui interessa SOLAMENTE distruggerti??

Lettera 4

Sent: Wednesday, October 12, 2005 4:08 PM
messaggio: Innanzi tutto,apostata:cos'è la..."SOCIETA'TORRE DI GUARDIA"?Certo che sei proprio un apostata inaffidabile...comunque...vedo che leggi le riviste...sai che Dio non ti concederà comunque il perdono,vero?sai che il peccato contro lo spirito santo non viene perdonato,vero?Ma non tremi al solo pensiero dell'inarrestabile avanzare del maestoso GIORNO DI DIO?Io non te lo dico per infierire ma perchè penso che,in fondo se stai facendo tutto questo è perchè il tuo signore e padrone Satana ti ha accecato completamente...e vorrei che tu ritrovassi la strada giusta...è brutto trovarsi dalla parte sbagliata al momento sbagliato!

Lettera 5

Sent: Wednesday, October 12, 2005 4:14 PM
messaggio: Io sono stata disassociata...naturalmente per ragioni giuste,ho avuto un comitato giudiziario e uno di appello durante il quale hanno confermato la mia disassociazione ma durante il mio "soggiorno"nel mondo,durante il quale non ho fatto altro che sentirmi sporca e indegna non ho MAI pensato,nemmeno per un secondo,che la verità fosse sbagliata perchè io so...e lo sai anche tu...perchè il tuo signore te lo avrà detto...che questa E' la verità...altrimenti cos'è la verità?La chiesa?Così piena di pedofili,omosessuali e prostitute?O hanno forse ragione i munsulmani...che vanno in giro a uccidere la gente pensando ad una guerra santa...?

Commento:

Cinque lettere in meno di mezz'ora! Una TdG davvero zelante... Non ho potuto comunque risponderle perché l'indirizzo e-mail riportato nei suoi messaggi non è valido. Commenti come questi sono estremamente interessanti e danno una chiara indicazione della condizione mentale e psicologica che viene manifestata da molti che aderiscono a culti come quello dei TdG.

<<< Torna alla prima parte



Torna alla pagina precedente

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

 

REALIZZAZIONE TECNICA A TITOLO GRATUITO: TAGLAB ST

Privacy Policy | Cookie Policy

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici