Vai ai contenuti

Modifiche al libro "Accostiamoci a Geova"

Menu > Dottrine > Modifiche, citazioni e cronologie > Modifiche dottrinali



Modifiche al libro "Accostiamoci a Geova"

Libro pubblicato nel 2002 dalla Watch Tower




Click sulle immagini per ingrandire







Commenti


Ecco una nuova revisione di un libro. Oltre a quelle apportate al libro “Rivelazione! Il suo grandioso culmine è vicino” (link), e a quella del libro “Adoriamo il solo vero Dio” (link), ora tocca al più recente libro “Accostiamoci a Geova”. Varie modifiche non cambiano nulla al significato del messaggio della versione precedente ma l’alto numero di correzioni da applicare indurrà certamente gli adepti all'acquisto della nuova versione del libro.

Notate la modifica al paragrafo 7 del cap.1: nella prima versione viene dato per certo che il nome Geova significhi “Egli fa divenire” mentre nella nuova versione la certezza diventa “si ritiene che”, anche se non dicono chi ritiene ciò: ovviamente sono sempre loro, ma usando questa espressione generalizante vogliono far credere di non essere gli unici per dare più autorità ai loro scritti.
Stessa tattica al paragrafo 8 del cap.1: la Watch Tower Society (WTS) accomuna la Traduzione del Nuovo Mondo(TNM) a tutte le altre versioni “accurate” in circolazione. Nella prima edizione la WTS definiva la TNM l’unica versione biblica accurata che traduceva il nome di Dio con “IO MOSTRERO’ D’ESSERE CIO’ CHE MOSTRERO’ D’ESSERE”.

Evidentemente si sono resi conto che tale modo di esprimersi poteva sembrare arrogante ai non TdG, quindi, con il copnsueto metodo enigmatico, la frase è stata impostata in modo che la TNM risulti essere tra le versioni accurate in circolazione a tradurre allo stesso modo (senza indicare però quante e quali siano le altre versioni oltre alla loro a fare quella traduzione). Se si fa una ricerca non si trovano, in italiano, altre versioni che traducano come loro. Forse esiste qualche altra versione in altre lingue... ma non vengono indicate appunto qualisiano queste altre traduzioni.
Al paragrafo 17 del Cap.3 il “Canale di Geova” deve aver avuto una svista nella precedente edizione, cita infatti i cherubini al posto dei serafini i quali, a detta loro, sono creature spirituali di altissimo rango mentre i cherubini sono di rango inferiore.

La modifica al paragrafo 21 del Cap.7 era inevitabile da fare, infatti, mentre prima riconoscevano lo “schiavo” come una classe di persone, tutti i 144000 unti in particolare quelli in vita sulla terra nelle varie epoche della storia umana a partire dal 33 E.V., oggi, per “schiavo”, s’intende una specifica categoria di persone: i membri del corpo direttivo in carica dal 1919 E.V. in avanti (link).

Anche la modifica nella domanda dei paragrafi 6-8 è importante e necessaria. Sembra una cosa secondaria, ma nella versione precedente si dava a intendere che tutte le profezie sulla restaurazione del "popolo di Dio" si erano adempiute, i TdG, come sudditi di Geova, avevano raggiunto una posizione per così dire perfetta spiritualmente parlando, pronti per entrare nell’imminente nuovo ordine.

Con la modifica indicata invece, si sott’intende una parziale restaurazione del popolo di Dio: si sono adempiute sotto i loro occhi molte profezie, ma non tutte! Quindi bisogna aspettare ancora prima di vedere arrivare il nuovo ordine di Dio e soprattutto, non ci si deve stupire se qualche altro nuovo intendimento verrà aggiunto agli altri o addirittura ne ribalterà qualcuno dei vecchi.

Si veda anche la discussione nel forum infotdgeova su questo argomento: link
Crisi di coscienza,
Fedeltà a Dio
o alla propria religione?
Di Raymond Franz,
già membro del
Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova
Click sull'immagine per
accedere alla pubblicazione
 
   
       
 
   
       
02/04/2021
Torna ai contenuti