Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Wednesday, 22 February 2017 16:11
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: MODIFICHE E CAMBIAMENTI ::

Il "Grande Fratello" di Orwell riscriveva i libri ed eliminava quelli ..."superati";
il "Grande Fratello" di Brooklyn riscrive i libri...

Adoriamo il solo vero Dio
Libro pubblicato nel 2002 dalla Watch Tower

Questo libro è una versione riveduta e corretta di un'altra pubblicazione della Watch Tower Society, il libro Uniti nell'adorazione del solo vero Dio, pubblicato nel 1982. Dopo vent'anni la Società ha ritenuto opportuno pubblicare una nuova versione dello stesso libro che verrà usato come sussidio negli "studi biblici". Non vi sono contenute particolari novità per quanto riguarda gli insegnamenti dei TdG; sono molto interessanti tuttavia alcune omissioni e vari altri dettagli, alcuni dei quali vengono evidenziati nella tabella sottostante.

Libro del 1982

Libro del 2002

Commento

«Le Scritture indicano chiaramente che la "generazione" che ha visto l'inizio della presenza di Cristo vedrà anche il "grande giorno di Geova" in cui egli eseguirà il giudizio contro tutti quelli che praticano l'ingiustizia. (Matt. 24:34; Sof. 1:14-2:3) Quella "generazione" è ora molto avanzata negli anni. Ma la Bibbia non indica la data esatta in cui Gesù Cristo verrà come giustiziere di Geova contro il sistema di cose terreno di Satana» (pagina 176). «La Bibbia non indica la data esatta in cui Gesù Cristo verrà come giustiziere di Geova contro il sistema di cose terreno di Satana» (pagina 176). Nel 1982 erano "le Scritture" ad indicare "chiaramente" che la "generazione in vita nel 1914 avrebbe visto la fine di questo mondo. Nel libro del 2002 non c'è più traccia di questo "intendimento" che venne diffuso per decenni dai TdG come assoluta verità. In moltissime pubblicazioni si affermava con certezza che questo era il corretto modo di intendere Matteo 24:34 ("Questa generazione non passerà.."). Ecco, per esempio, cosa la Società faceva dire a Gesù (il grassetto e le sottolineature sono aggiunti): «Dopo aver richiamato l'attenzione sulle molte cose che hanno contrassegnato il periodo dal 1914 in poi, Gesù disse: "Questa generazione non passerà affatto finché tutte queste cose [inclusa la fine di questo sistema] non siano avvenute". (Matteo 24:34, 14) A quale generazione si riferiva Gesù? Alla generazione di persone in vita nel 1914. I rimanenti di quella generazione sono ora molto anziani. Ma alcuni di loro saranno ancora in vita quando verrà la fine di questo sistema malvagio. Possiamo quindi essere certi di questo: fra breve sopraggiungerà l'improvvisa fine di tutta la malvagità e di tutti i malvagi ad Armaghedon» (Libro Potete vivere, ed.1982, pag. 154). «Possiamo quindi essere felici che Gesù abbia garantito che vi saranno superstiti della "generazione" del 1914 - cioè che questa generazione non sarà del tutto scomparsa - quando la "grande tribolazione" farà calare il sipario su questo malvagio sistema mondiale.(La Torre di Guardia del 15/4/1981, pag.3).  «E Gesù ci ha detto di rallegrarci alla vista delle oscure e tempestose nubi di Armaghedon che da allora si stanno addensando. Ci ha detto che la "generazione" del 1914 - anno in cui iniziò ad adempiersi il segno - "non passerà affatto finché tutte queste cose non siano avvenute". (Matteo 24:34) Alcuni di quella "generazione" potrebbero sopravvivere sino alla fine del secolo. Ma ci sono molte indicazioni che la "fine" è molto più vicina!». (La Torre di Guardia del 1/8/1984, pagine 18,19). Questa spiegazione del significato di "generazione" è stata abbandonata dai TdG nel 1995: «Ansiosi di vedere la fine di questo sistema malvagio, a volte i servitori di Geova hanno fatto congetture sul tempo in cui sarebbe scoppiata la "grande tribolazione", collegandolo anche con quella che poteva essere la durata di una generazione a partire dal 1914. ... Invece di dare risalto all'aspetto temporale, il termine "generazione" come fu usato da Gesù si riferisce principalmente ai contemporanei di un dato periodo storico, con le loro caratteristiche distintive... Perciò nell'odierno adempimento finale della profezia di Gesù, "questa generazione" deve riferirsi ai popoli della terra che vedono il segno della presenza di Cristo ma non cambiano condotta». (La Torre di Guardia del 1/11/1995, pp. 17, 19). Le parole "di Gesù", sono diventate ora congetture di uomini.
Mantenetevi desti agli avvenimenti che adempiono il segno (pag. 179).
«In quale straordinario modo si è adempiuto il predetto insorgere di "nazione contro nazione e regno contro regno" a partire dal 1914? Cos'è accaduto anche nei recenti mesi che contribuisce a tale adempimento?

In che misura la terra ha risentito delle penurie di viveri nonostante la conoscenza scientifica del XX secolo?

La frequenza con cui i terremoti si sono succeduti in un luogo dopo l'altro dal 1914 è stata davvero senza precedenti?

Nel 1918, quale pestilenza mieté più vittime della guerra mondiale?
Nonostante la scienza medica, quali malattie sono ancora presenti in proporzioni epidemiche?

Cosa vedete a conferma del fatto che gli uomini vengono realmente meno per il timore, come predetto in Luca 21:26?».
Mantenetevi desti per riconoscere il segno (pag. 178).
«In che modo straordinario si è adempiuto il predetto insorgere di "nazione contro nazione e regno contro regno" a partire dal 1914? Per quanto concerne le guerre cosa è accaduto da allora?

Nel 1918, quale pestilenza mieté più vittime della guerra mondiale? Nonostante la scienza medica, quali malattie uccidono ancora milioni di persone?

Nonostante i progressi scientifici del secolo scorso, in che misura il mondo ha risentito della penuria di viveri?».

Nel nuovo libro, oltre ad alcune variazioni secondarie, è scomparsa la domanda sui terremoti. La Società si è evidentemente resa conto che le sue statistiche sull'aumento dei terremoti che vi sarebbe stato a partire del 1914 sono prive di ogni fondamento scientifico e storico (si veda questa pagina). È davvero significativo il fatto invece che i  testimoni di Geova in generale continuino a credere che dal 1914 i terremoti siano aumentati di numero ed intensità, come per decenni aveva insegnato loro la Watch Tower. Ora, a quanto pare, la Società si è resa conto di aver diffuso informazioni sbagliate ma non ha ancora provveduto ad informarne adeguatamente i suoi seguaci, i quali continuano tranquillamente a trasmettere alle persone informazioni erronee come queste: «Gesù predisse "grandi terremoti". ... La frequenza di questi ultimi è davvero cambiata? Non ci sono mai volute apparecchiature sensibili per dirci se si tratta di un grande terremoto. Dal 1914 la media annua dei forti terremoti registrati è oltre 11 volte superiore a quella dei mille anni precedenti. Ci vuole dell’altro per adempiere la profezia?» – Svegliatevi! 8/4/85, p.7.

È scomparso anche l'accenno a Luca 21:26: "...mentre gli uomini verranno meno per il timore e per l'aspettazione delle cose che staranno per venire sulla terra abitata; poiché le potenze dei cieli saranno scrollate" (TNM). Nel 1994 venne infatti data "una nuova e diversa spiegazione" di questo passo: mentre fino ad allora si sosteneva che Luca 21:26 si adempiva dal 1914, nella Torre di Guardia del 15/2/1994 si spiegò che queste parole si adempiranno "nel prossimo futuro" (pag.21). Si veda anche questa pagina (link esterno).

Due caratteristiche del "segno" - paragonabile alle linee che compongono un'impronta digitale, quindi uniche ed inconfondibili, come sosteneva la Watch Tower - che ora, nel nuovo libro, non ci sono più...

Per quanto riguarda altri aspetti del cosiddetto "segno degli ultimi giorni", si veda questa pagina.

Cosa riserva il futuro?
Pagine 182, 183:

«Per prima cosa, come indicano le Scritture, i governanti politici, a livello mondiale, si volgeranno contro Babilonia la Grande, l'impero mondiale della falsa religione, e l'annienteranno. (Riv. 17:15, 16) È degno di nota il fatto che già si stanno manifestando atteggiamenti ostili, in particolare nei confronti delle religioni della cristianità. Governi dalla politica fortemente antireligiosa esercitano già una potente influenza nell'ambito delle Nazioni Unite, e la gente stessa in paesi tradizionalmente religiosi sta abbandonando in gran numero la religione dei propri padri. Cosa significa tutto questo? Che la devastazione di tutta la falsa religione è prossima. In seguito, quando le nazioni si scaglieranno spavaldamente con tutte le loro forze contro i sostenitori della sovranità di Geova, la furia divina si abbatterà su tutti i governi politici e i loro sostenitori, distruggendoli completamente».

Cosa riserva il futuro?
Pagine 182, 183:

«All'inizio della grande tribolazione i governanti politici si volgeranno contro Babilonia la Grande, l'impero mondiale della falsa religione, e l'annienteranno. (Riv. 17:15, 16). Dopo ciò le nazioni si scaglieranno contro i sostenitori della sovranità di Geova, provocando così la furia divina contro i governi politici e i loro sostenitori, che verranno completamente distrutti».

 
Nel 1982 esisteva ancora la "cortina di ferro" ed il blocco delle nazioni comuniste. Le "profezie" della Torre di Guarda non si sono avverate e quindi scompaiono dal nuovo libro.
Pag. 83 (grassetto mio):

«In Matteo 25:31-33, quale altra opera Gesù predisse che avrebbe compiuto dopo essere stato intronizzato e prima di distruggere i malvagi?».

Pag. 98:

«Quale opera Gesù predisse che avrebbe compiuto dopo lo scoppio della grande tribolazione, come è riportato in Matteo 25:31-33?».

Le "predizioni di Gesù" (!), anche in questo caso, sono state modificate. Per decenni ai TdG era stato insegnato che la loro predicazione adempiva la parabola di Matteo sulla separazione delle "pecore dai capri". Le chiese cristiane hanno sempre insegnato che questa separazione avverrà nel futuro "giudizio universale". La parabola, infatti, con estrema chiarezza, parla del ritorno del Signore nella gloria, accompagnato dai suoi angeli. I TdG invece ritenevano, alquanto presuntuosamente, che con la loro opera di casa in casa avvenisse già ora una separazione tra i buoni ed i cattivi e che questo "ritorno" di cui parla Matteo fosse avvenuto nel 1914. Nel 1995 tuttavia scrissero: «Questo intendimento della parabola delle pecore e dei capri indica che il giudizio delle pecore e dei capri è futuro. Avrà luogo dopo che "la tribolazione" menzionata in Matteo 24:29, 30 sarà scoppiata e il Figlio dell'uomo 'sarà arrivato nella sua gloria'» (La Torre di Guarda del 15/10/1985, pag. 23). Su questo aspetto si veda anche il punto seguente.

Pagine 180,181:

«Per prima cosa ci fu un radunamento del rimanente degli "eletti", i cristiani unti dallo spirito. Sebbene dispersi fra le nazioni, come ai "quattro venti", furono condotti sotto la guida angelica in un'organizzazione unita. - Matt. 24:31. 10. Quindi, come aveva predetto, Gesù cominciò a separare persone di tutte le nazioni, "come il pastore separa le pecore dai capri". Quest'opera, diretta da Cristo assiso sul suo trono celeste, continua fino ad oggi, e vi riguarda personalmente».

Pagine 179, 180:

«Per prima cosa ci fu un radunamento del rimanente dei cristiani unti dallo spirito di Dio, che hanno la speranza di essere con cristo nel regno celeste. Sebbene dispersi fra le nazioni, furono condotti sotto la guida angelica in un'organizzazione unita. Il suggellamento di questi unti sta per essere completato - Rivelazione 7:3,4. Poi, sotto la guida di Cristo, cominciò il radunamento di "una grande folla..."».

 

Come si diceva sopra, i TdG insegnavano che dal 1914 Gesù separava l'umanità in due classi, le "pecore" ed i "capri" e che questa separazione avveniva grazie all'opera di predicazione compiuta dai TdG.

Anche questo "intendimento" è stato ora abbandonato e quindi nel nuovo libro non se ne parla. Ma per molti anni anche questa interpretazione venne presentata come "verità" indubitabile alla quale tutti i TdG dovevano credere.

Riquadro/Figura a pagina 27:

QUANDO LEGGETE LA BIBBIA, CHIEDETEVI:

Cosa mi insegna questo brano circa la personalità di Geova?

Come si collega al tema generale della Bibbia?

Qual è il significato secondo il contesto? 

Come dovrebbe influire sulla mia vita? 

Come posso utilizzarlo per aiutare altri?

Riquadro/Figura a pagina 30:

QUANDO LEGGETE LA BIBBIA, CHIEDETEVI:

Cosa mi insegna circa la personalità di Geova?


Come si collega al tema generale della Bibbia?





Come dovrebbe influire sulla mia vita? 

Come posso usarlo per aiutare altri?

Nel libro del 1982, anche a pag. 26, si esortavano i Testimoni di Geova a cercare di comprendere il significato di particolari versetti, esaminandoli nel contesto.

Ora questo punto è stato tolto. Non è più importante ora esaminare il contesto per comprendere il corretto significato delle Scritture? Certamente no, ma adesso non si incoraggia inutilmente la "speculazione privata". Se i "fratelli" non comprendono un passo biblico, è meglio che facciano ricerche sulle pubblicazioni della Società, che si rivolgano agli "anziani" o che scrivano alla Watch Tower per avere le  spiegazioni "corrette". Se cercassero di capire da soli cosa indica il contesto, potrebbero, infatti, anche giungere a conclusioni diverse da quelle della Società Torre di Guardia.

Vi sono diverse altre varianti minori, che riguardano più la forma - la traduzione dall'inglese è migliorata - che la sostanza. Curiosa la mancanza di tre interi capitoli: il 14, "Faccio un patto con voi per un Regno", dove si approfondiva il tema della "speranza celeste" riservata ai "144.000" (link); il cap.19, "Che valore ha per voi la Legge mosaica", argomento che viene tuttavia trattato, anche se in modo diverso, in un altro libro, edito nel 2002, dal titolo Accostiamoci a Geova; ed il capitolo 20, "Considerati sacri la vita e il sangue?". L'omissione di quest'ultimo capitolo fa sorgere diversi interrogativi, specialmente se si considerano le esplicite istruzioni che erano contenute nel libro del 1982. Per esempio, a pag. 159 veniva insegnato ai neofiti: «Che fare, però, se il personale medico, forse con le migliori intenzioni, insistesse nel dire che rifiutando il sangue mettiamo a repentaglio la nostra vita e cercasse quindi di costringerci ad acconsentire? La fede nella giustezza delle vie di Geova dovrebbe renderci fermi. Per lealtà a Geova dovremmo opporci decisamente, perché preferiamo ubbidire a Dio anziché agli uomini». Concetto chiarissimo: "dovremmo opporci", si tratta di essere "leali a Geova", in altre parole, bisogna essere disposti a morire per ubbidire a queste interpretazioni della Watch Tower. Simili "suggerimenti" vengono dati anche nel libro Organizzati per compiere il nostro ministero - che è tuttavia un testo ad esclusivo uso interno -, nelle domande rivolte a coloro che vogliono battezzarsi: «Che posizione dovrebbe assumere un cristiano se gli venisse detto che per salvare la sua vita o quella di una persona cara è necessaria una trasfusione di sangue?» (p.191). La risposta che ci si attende dal candidato al battesimo - per essere ritenuto idoneo a tale passo - è che "il cristiano" rifiuta decisamente di acconsentire alle trasfusioni, anche se vi fosse coinvolta la sua vita o quella dei suoi figli! (Per approfondire questo discusso e controverso argomento si veda anche questa pagina).

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

Free Sitemap Generator
REALIZZAZIONE TECNICA :: PROZAC2000 ST
Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici