Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Wednesday, 16 August 2017 15:20
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: MODIFICHE E CAMBIAMENTI ::

La Trasfigurazione: Mosè, Elia ed i "cristiani unti"


La Trasfigurazione di Gesù (Carl Bloch)

Che cos'è la Trasfigurazione e qual è il significato di questo episodio narrato nel Vangelo? Ecco cosa si legge nel Vangelo di Matteo, al cap. 17:

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: «Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo». All'udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò e, toccatili, disse: «Alzatevi e non temete». Sollevando gli occhi non videro più nessuno, se non Gesù solo. E mentre discendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, finché il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti» (Matteo 17:1-9, CEI).

Fino al 1997 i Testimoni di Geova spiegavano questa visione in maniera abbastanza simile a quella che viene data nel Cristianesimo tradizionale. Per esempio, nel libro "Perspicacia", pp. 1134-1136, veniva detto quanto segue:

TRASFIGURAZIONE Avvenimento miracoloso — a cui assisterono Pietro, Giacomo e Giovanni — durante il quale ‘la faccia di Gesù risplendé come il sole, e le sue vesti divennero brillanti come la luce’. (Mt 17:1-9; Mr 9:2-10; Lu 9:28-36) Marco dice che in quell’occasione le vesti di Gesù divennero “molto più bianche di quanto potrebbe imbiancarle sulla terra qualsiasi pulitore di vestiti”, e Luca afferma che “l’aspetto della sua faccia divenne diverso”. La trasfigurazione ebbe luogo su un monte qualche tempo dopo la Pasqua del 32 E.V., molto prima dell’ultimo viaggio di Gesù a Gerusalemme. Probabilmente avvenne di notte, dato che gli apostoli “erano aggravati dal sonno”. (Lu 9:32) Di notte l’avvenimento sarebbe stato più spettacolare, ed essi trascorsero effettivamente la notte sul monte, poiché scesero solo l’indomani. (Lu 9:37) La Bibbia però non dice quanto tempo sia durata la trasfigurazione.

Prima di salire sul monte, Cristo aveva chiesto a tutti i discepoli: “Chi dicono gli uomini che io sia?” e Pietro aveva risposto: “Tu sei il Cristo”. Allora Gesù aveva detto ai discepoli che doveva morire ed essere risuscitato (Mr 8:27-31), ma aveva promesso che alcuni di loro ‘non avrebbero gustato affatto la morte prima di aver visto il Figlio dell’uomo venire nel suo regno’, o “il regno di Dio venuto con potenza”. (MT 16:28; Mr 9:1) Questa promessa si adempì “sei giorni dopo” (“otto” secondo Luca, che a quanto pare include il giorno della promessa e quello dell’adempimento) quando Pietro, Giacomo e Giovanni accompagnarono Gesù su “un alto monte” (MT 17:1; Mr 9:2; Lu 9:28) dove, mentre pregava, Gesù fu trasfigurato davanti a loro. [...]

Qual è il significato della trasfigurazione? Durante la trasfigurazione di Gesù, apparvero “con gloria” anche Mosè ed Elia. (Lu 9:30, 31; MT 17:3; Mr 9:4) Era stato predetto che Geova avrebbe suscitato un profeta simile a Mosè, e quella promessa si adempì in Cristo. (De 18:15-19; At 3:19-23) Fra Mosè e Gesù c’erano diverse analogie: alla nascita di entrambi furono uccisi dei bambini, ma loro furono risparmiati (Eso 1:20–2:10; MT 2:7-23); entrambi digiunarono per 40 giorni (Eso 24:18; 34:28; De 9:18, 25; MT 4:1, 2); entrambi furono suscitati da Dio nell’interesse della vera adorazione e per portare liberazione (Eso 3:1-10; AT 7:30-37; 3:19-23); entrambi ebbero da Dio il privilegio di essere mediatori di un patto fra Lui e il suo popolo (Eso 24:3-8; Eb 8:3-6; 9:15); entrambi furono impiegati da Geova per magnificare il suo nome (Eso 9:13-16; Gv 12:28-30; 17:5, 6, 25, 26).

Era pure stato predetto che Geova avrebbe mandato il profeta Elia, una delle cui opere fu di volgere persone di Israele al vero pentimento. Mentre Gesù era sulla terra, Giovanni il Battezzatore compì un’opera del genere e servì quale precursore del Messia, adempiendo Malachia 4:5, 6. (MT 11:11-15; Lu 1:11-17) Ma poiché la trasfigurazione ebbe luogo dopo la morte di Giovanni il Battezzatore, l’apparizione di Elia indica che l’istituzione del Regno di Dio nelle mani di Cristo sarebbe stata accompagnata da un’opera di restaurazione della vera adorazione e di rivendicazione del nome di Geova.

Durante la trasfigurazione Gesù, Mosè ed Elia parlarono della “dipartita [forma del gr. èxodos] che [Cristo] era destinato a compiere a Gerusalemme”. (Lu 9:31) Questo èxodos, esodo o dipartita, evidentemente riguardava sia la morte di Cristo che la sua successiva risurrezione alla vita spirituale. [...]

Mentre Mosè ed Elia si separavano da Gesù, Pietro, “non comprendendo ciò che diceva”, suggerì di erigere tre tende, una ciascuno per Gesù, Mosè ed Elia. (Lu 9:33) Ma mentre l’apostolo parlava si formò una nube (Lu 9:34), che evidentemente (come presso la tenda di adunanza nel deserto) simboleggiava la presenza di Geova lì sul monte della trasfigurazione. (Eso 40:34-38) Da quella nuvola la voce di Geova disse: “questi è il mio Figlio, colui che è stato eletto. Ascoltatelo”. (Lu 9:35) Anni dopo, riferendosi alla trasfigurazione, Pietro identificò la voce celeste con quella di “Dio Padre”. (2Pt 1:17, 18) Nella trasfigurazione Mosè ed Elia rappresentavano evidentemente la Legge e i Profeti, che additavano Cristo e si adempirono in lui. Mentre in passato Dio aveva parlato per mezzo dei profeti, ora indicava che avrebbe parlato per mezzo di suo Figlio. — Gal 3:24; Eb 1:1-3.

L’apostolo Pietro considerava la trasfigurazione una meravigliosa conferma della parola profetica, ed essendo stato testimone oculare della gloria di Cristo poté far conoscere ai suoi lettori “la potenza e la presenza del nostro Signore Gesù Cristo”. (2Pt 1:16, 19) L’apostolo aveva constatato l’adempimento della promessa di Cristo secondo cui alcuni dei suoi seguaci non avrebbero ‘gustato affatto la morte prima di aver visto il regno di Dio venuto con potenza’. (Mr 9:1) Può darsi che anche l’apostolo Giovanni alludesse alla trasfigurazione in Giovanni 1:14.

Gesù disse ai tre apostoli: “Non narrate la visione a nessuno finché il Figlio dell’uomo non sia destato dai morti”. (MT 17:9) Essi si astennero dal riferire ciò che avevano visto a chiunque, a quanto pare anche agli altri apostoli. (Lu 9:36) Mentre scendevano dal monte i tre “ragionavano fra loro su ciò che volesse dire questo sorgere dai morti”, di cui Gesù aveva parlato. (Mr 9:10) Un insegnamento religioso ebraico dell’epoca era che Elia doveva apparire prima della risurrezione dei morti che avrebbe segnato l’inizio del regno del Messia. Perciò gli apostoli chiesero: “Perché, dunque, gli scribi dicono che prima deve venire Elia?” Gesù assicurò loro che Elia era venuto ed essi capirono che parlava di Giovanni il Battezzatore. — MT 17:10-13.

La trasfigurazione, sembra, servì a fortificare Cristo in vista delle sofferenze e della morte, e anche a incoraggiare e rafforzare la fede dei suoi seguaci. Mostrò che Gesù aveva l’approvazione di Dio e diede una visione anticipata della sua futura gloria e potenza nel Regno. Preannunciava la presenza di Cristo, quando la sua autorità regale sarebbe stata completa.

Secondo tale spiegazione, Mosè ed Elia rappresentavano quindi la Legge ed i Profeti. Ho evidenziato in grassetto la frase dove ciò viene affermato senza incertezze. Tale spiegazione è anche quella che viene sostanzialmente data da millenni nel Cristianesimo ortodosso. Per esempio:

«Lo splendore del suo volto e delle sue vesti è l'irradiazione della sua trascendenza e la conferma e la realizzazione delle Scritture, rappresentate da Mosè (la Legge) (cf. Es 34,29ss: lo splendore del volto di Mosè) ed Elia (i Profeti)» (link).

«La Trasfigurazione di Gesù è uno degli avvenimenti più misteriosi e significativi in cui Gesù è protagonista di fronte a due testimoni, Mosé, rappresentante della Legge di Israele, ed Elia, il profeta per eccellenza» (link).

«Insieme a Gesù, nella stessa gloria appaiono anche Mosè ed Elia, i due maggiori esponenti dell’Antico Testamento, che rappresentavano la Legge ed i Profeti. Parlano con Gesù dell’ “esodo che avrebbero portato a compimento a Gerusalemme”. Così, davanti ai discepoli, la Legge ed i Profeti confermano che Gesù è veramente il Messia Glorioso, promesso nell’Antico Testamento ed atteso da tutto il popolo» (link).

«Il significato della presenza accanto a Gesù di questi personaggi celesti ben noti e che nella storia biblica rappresentano rispettivamente i Profeti e la Legge con tutta probabilità vuol indicare che in Gesù i tempi sono compiuti e che Gesù è il Messia» (link).

«Ora appaiono Mosè ed Elia e parlano con Gesù. Ciò che il Risorto spiegherà ai discepoli sulla via di Emmaus è qui un'apparizione visibile. La Legge e i Profeti parlano con Gesù, parlano di Gesù» (link).

«Con Gesù apparvero Mosè e Elia, che rappresentavano la legge e i profeti dell'antico patto, e parlarono insieme – secondo Luca della sua dipartita, letteralmente del suo "esodo"» (link).

Questo era sempre stato l'insegnamento "tradizionale" anche dei Testimoni di Geova, sin dai tempi di Russell. Ecco, per esempio, cosa scrisse Russell nella "Torre di Guardia" del 1° luglio 1900:

La trascrizione del testo:

What is the interpretation of the picture? IS a proper question. We reply, that it represented, first of all, that altho our Lord Jesus must suffer death, even the death of the cross, in harmony with the divine plan, "being made a curse for us" (Gal. 3:13), nevertheless, he was still the Son of God, whose glorious majesty and kingly power would later on be fully shown forth. And Moses and Elijah, representing the Law and the Prophets, illustrate how the death of Christ was fully attested beforehand. Moses spoke of the sufferings of Christ in all the arrangements of the Law, its sacrifices, etc., and the prophets declared not only the coming glories, but also the sufferings which must precede them, as our Lord subsequently pointed out to the two disciples on the way TO Emmaus, saying, "O fools and slow of heart TO believe all that the prophets have spoken: ought not Messiah TO have suffered these things, and TO enter into his glory?"- Luke 24:25-27. (The Watchtower, luglio 1900, p. 2569 reprints).

***

Dal 1997 non è più così

Nella Torre di Guardia del 15/5/1997 è stato presentato un "nuovo intendimento" che contraddice quello che la Watch Tower, fin dalle sue origini, aveva scritto su tale argomento:

«Chi raffigurano dunque Mosè ed Elia nel contesto della trasfigurazione? Luca dice che apparvero insieme a Gesù “con gloria”. (Luca 9:31) Evidentemente raffigurano i cristiani che sono stati unti con lo spirito santo quali “coeredi” di Gesù e che pertanto hanno ricevuto la meravigliosa speranza di essere “glorificati” insieme a lui. (Romani 8:17) Gli unti risuscitati saranno con Gesù quando verrà nella gloria del Padre suo per ‘ricompensare ciascuno secondo la sua condotta’. — Matteo 16:27» (p.12).

Ho evidenziato quell'"evidentemente". Qualche anno prima, come abbiamo visto, usando lo stesso "criterio esegetico", scrivevano:

«Nella trasfigurazione Mosè ed Elia rappresentavano evidentemente la Legge e i Profeti, che additavano Cristo e si adempirono in lui».

"Evidentemente" significa "in modo evidente, cioè: «Che si vede con chiarezza ... Che non si può mettere in dubbio, che non ha bisogno di dimostrazioni ... Certo, chiaro, manifesto» (Diz. Zingarelli). «1 In modo evidente, con evidenza. 2 A quanto risulta, senza dubbio. ~ certo. Sinonimi: certamente, chiaramente, indubbiamente, manifestamente, palesemente, sicuramente, visibilmente» (link). Come è possibile quindi che, a distanza di poco tempo, ciò che era "evidente" nel libro "Perspicacia" non lo sia più nella Torre di Guardia del 1997, nella quale viene presentata una nuova "evidenza" che contraddice la precedente? Come è possibile che una verità evidente ne contraddica un'altra, altrettanto evidente?

I fatti dimostrano che con questo loro "nuovo intendimento" i TdG si differenziano ancora di più dal Cristianesimo tradizionale, allontandandosi di fatto dalla verità anziché progredire nella "luce". E' anche piuttosto sconcertante, per chi osserva dall'esterno, constatare come improvvisamente "verità" che erano state sostenute e diffuse per decenni, vengano di punto in bianco cambiate. E se qualche TdG dovesse magari ritenere più logiche e credibili (come in questo caso) le verità precedenti, e insistesse nel credervi e nel diffonderle, verrebbe espulso come apostata. Mentre sarebbe accaduta la stessa cosa se, prima della "nuova luce", avesse osato sostenere che "evidentemente" Mosè ed Elia raffigurano i "cristiani unti".

Una riflessione

Oltre alla recente modifica in cui la "generazione" è diventata la "classe degli "unti" (link), anche questo "intendimento" sulla trasfigurazione contribuisce a mettere i cosiddetti "unti", di cui il CD si ritiene portavoce, in una posizione estremamente privilegiata: gli "unti" (e quindi il CD) sono raffigurati accanto a Cristo mentre Egli viene nella nella Sua gloria. Una forma di divinizzazione che influirà ancora di più sull'atteggiamento di assoluta sottomissione che la stragrande maggioranza dei TdG mostra nei confronti dei dirigenti di Brooklyn. Già prima di queste ultime modifiche, per i TdG osare mettere in discussione quello che insegnava il CD equivaleva a mettere in discussione la volontà stessa di Dio e di Cristo. Ora tale atteggiamento di assoluta sottomissione sarà ancora più manifesto.

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

Free Sitemap Generator
REALIZZAZIONE TECNICA :: PROZAC2000 ST
Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici