Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Thursday, 23 March 2017 23:12
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: DISSENSO E SANZIONI ::

Cliccare per visualizzare online la pagina del quotidiano
31 agosto2002, UMBRIA

LA LEGGE NON PERDONA 
Allo zio eretico vietato partecipare alle nozze del nipote 
Il parente dello sposo era stato allontanato per apostasia
dai Testimoni di Geova nell'86,  regole senza attenuanti 
di MARCO TORRICELLI 

Quando ci si sposa, si sa, è sempre una tragedia. Nel senso che uno deve star lì a scervellarsi per settimane: "Questo bisogna invitarlo per forza, ma quest'altro proprio no. Gli mandiamo la partecipazione e via". Sono scelte che si fanno. Ma quando i colombi che, come si dice, "convolano" sono testimoni di Geova, pare che la faccenda assuma tutto un altro aspetto: le scelte diventano obbligate. C'è chi è ammesso e chi, invece, deve abbozzare e rimanersene a casa. Con gli sposini che non hanno voce in capitolo, ma devono solo accettare le regole imposte dalla comunità.
«Stamattina, nella Sala del regno di via Turati, si sposa mio nipote Andrea, testimone di Geova - racconta Adriano Fontani - e io, espulso dalla congregazione per apostasia e ribellione nel 1986, dopo 21 anni di attiva militanza, non potrò essere presente. Mia moglie che fa ancora parte della congregazione, seppure solo formalmente dato che non frequenta più, i miei figli e mio padre che invece non vi sono mai entrati, potrebbero partecipare, ma io no». 
Vabbè, ma uno può anche pensare che, in fondo in fondo, questo zio che sta a Monteroni d'Arbia, in provincia di Siena e fa il maestro elementare, potrebbe pure non stare troppo simpatico agli sposini: «Mia sorella, la madre dello sposo - dice, invece, Fontani - ha chiamato mio padre e, in lacrime, gli ha raccontato di aver pregato gli anziani della congregazione di trovare una scappatoia che permettesse a suo figlio di potermi invitare, ma senza nessun risultato».
Così, stamattina, al matrimonio non ci sarà nessuno della famiglia Fontani: «E non sarà la prima volta perché è già avvenuto sei anni fa, per un altro matrimonio al quale solo io non ero stato invitato». Quello dell'ostracismo dei testimoni di Geova nei confronti di chi abbandona la congregazione, oppure ne è espulso, è uno dei motivi che ha portato Adriano Fontani a fondare, addirittura, il Coordinamento nazionale del fuoriusciti dai testimoni di Geova: «In quell'ambiente - spiega - si vive come ai tempi dell'inquisizione e quello che ordinano i capi è legge. Chi dissente viene processato e, com'è accaduto a me, dopo essere espulso diventa un reietto, al quale è addirittura vietato rivolgere la parola». E ancora: «Alle mogli dei fuoriusciti - racconta Fontani - viene spesso consigliato di lasciarli con l'impegno che i testimoni di Geova provvederanno a trovar loro alloggio e assistenza legale per la separazione». Quella contro i testimoni di Geova, per Adriano Fontani è diventata una battaglia senza esclusione di colpi: «Nella loro pubblicazione, che si chiama "Torre di Guardia" - dice - c'è scritto, per esempio, che l'odio nei confronti degli apostati si deve estendere dal peccato alla persona e si devono odiare in modo intenso e profondo tutti coloro che si ribellano a Geova. E questo non mi pare un modo degno di esprimersi per chi dice di vivere facendo riferimento a presunti valori religiosi».
Vuole combattere, dice, la «pericolosa forma di schiavitù psicologica nella quale vengono tenuti tutti quelli che, in buona fede, continuano a credere nei princìpi che vengono loro inculcati o quelli che vivono una situazione personale drammatica. Come molti testimoni di Geova ancora associati che non hanno il coraggio di abbandonare la congregazione perché, essendo testimoni di Geova molti loro parenti, temono di essere messi al bando dalla loro famiglia come è successo a me».

In seguito alla pubblicazione di questo articolo vi sono stati altri interventi sulle colonne del Messaggero.

Domenica 15 Settembre 2002

IL DIBATTITO
I testimoni di Geova e l’ostracismo
Uno zio che lamenta di non poter partecipare al matrimonio del nipote 
perché espulso dai Testimoni di Geova, di cui il giovane fa invece parte. 
Una storia che ha provocato varie reazioni che qui pubblichiamo.

È vero, chi si distacca è condannato all’isolamento

Ho letto in un Vs. articolo apparso in Internet, la tragica esperienza del sig. Adriano Fantoni, ex testimone di Geova che è stato espulso da quella organizzazione religiosa.
Io sono un testimone di Geova praticante, ma in tutta coscienza desidero informarVi che ciò che è accaduto al sig. Fantoni è - purtroppo - la "normalità": chi non condivide tutto ciò che stabilisce l’organizzazione, "viene dissociato", e tutti gli altri testimoni di Geova hanno l’obbligo non solo di non frequentare più quella persona, ma non devono più neppure salutare la persona allontanata.
È una vera e propria condanna ad una sorta di "morte civile". Per poter rientrare nella congregazione, bisogna frequentare tutte le adunanze (3 alla settimana) per circa un anno, subendo la continua umiliazione di essere completamente ignorato da tutti... nessuno può salutare un dissociato... chi sgarra può venire a sua volta cacciato!!
Anche i familiari più stretti - pur con qualche eccezione - sono esortati a comportarsi allo stesso modo!!!, e questo fatto è stato ribadito con forza proprio in una nostra recente pubblicazione del mese scorso: "Il Ministero del Regno" di agosto 2002.
Non c’è alcuna ragione scritturale per comportarsi in una maniera così barbara!! la Bibbia dice di togliere il saluto solo a chi rinnega Dio e il sacrificio di Suo Figlio Gesù Cristo, ma non certo a chi non condivide alcune ferree e rigide regole stabilite da uomini...
Posso dirLe che dopo aver verificato a fondo gli insegnamenti dei Testimoni di Geova, anch’io non condivido più molte dottrine ed insegnamenti che la società Torre di Guardia si sforza di far passare come comandi e/o principi biblici; spesso si tratta di vere e proprie forzature fatte sulla lettura di alcuni passi biblici che nella loro Bibbia (Traduzione del Nuovo Mondo) sono stati ad arte tradotti in un certo modo solo per dare una "conferma scritturale" alle loro assurde interpretazioni...
Non mi dissocio solo perché ho tutta la mia famiglia "nella verità", e non voglio assolutamente troncare i vincoli d’amore e d’affetto con i miei figli... spero - piano piano, poco per volta e con estrema cautela - di poter aiutare "dal di dentro" il maggior numero di persone (che sono tutte in buona fede e "vittime di vittime") a capire come stanno le cose ...

Lettera Firmata
Belluno

Testimoni di Geova contro maestro elementare

Un altro episodio che ha coinvolto Adriano Fontani

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

Free Sitemap Generator
REALIZZAZIONE TECNICA :: PROZAC2000 ST
Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici