Vai ai contenuti

Scuola di Ministero teocratico



SCUOLA DI MINISTERO TEOCRATICO:



ABBIGLIAMENTO E ACCONCIATURA:


È valido quanto dice Sg 185, sia che si tratti di un adulto o di un ragazzo l'esigenza è la stessa. È chiaro che bisogna usare ragionevolezza. A volte ci possono essere circostanze eccezionali come il caso del ragazzo col braccio ingessato che non può indossare la giacca. A meno che non sussistono tali circostanze eccezionali, il SSMT è autorizzato a vietare di pronunciare il discorso a chi non è disposto ad attenersi alla norma (SCB:SSB 20.7.81)

Pensiamo che uno studente a cui è assegnato un discorso nella SMT dovrebbe indossare giacca e cravatta se si tratta di un uomo. Dato che alla Scuola vengono dati suggerimenti perché, tra le altre cose, lo studente divenga qualificato come oratore pubblico, si dovrebbe pretendere anche che il suo abbigliamento sia conforme a quanto è richiesto per colui che serve già come oratore pubblico  Sg 130 (SCA:SSC 31.8.83)

Il SSMT determinerà il da farsi se uno studente ha i capelli lunghi, offrendo consigli e suggerimenti. Dipende molto da quanto sono lunghi i capelli, comunque l'acconciatura dello studente non dovrebbe essere motivo di critica nella congregazione (SCA:SSC 31.8.83)


ISCRIZIONE DI BAMBINI:


Ci chiedete se si possono iscrivere alla SMT bambini di 7 o 8 anni. Om non stabilisce un’età minima per potersi iscrivere, ma precisa: "Possono iscriversi tutti quelli che frequentano attivamente la congregazione sempre che non conducano una vita in contrasto con i princìpi biblici". Ne consegue quindi che gli A. locali applicando quanto è detto nel summenzionato libro, dovranno determinare chi può iscriversi alla SMT (SCA:SSC 24.1.84)

CONSIGLIARE SU PUNTI CHE NON ERANO STATI INDICATI:


Ci domandi se il SSMT può consigliare uno studente su punti che non gli sono stati indicati in anticipo. La risposta è no. Si dovrà sempre consigliare sul punto su cui lo studente si è preparato, altrimenti potrebbe scoraggiarsi essendo consigliato su aspetti su cui non si è potuto preparare. Naturalmente se il SSMT nota che lo studente ha una carenza nella presentazione del discorso assegnato, e su tale aspetto non doveva prepararsi, metterà un cerchio intorno a qual punto e inviterà lo studente a prepararsi su quel punto per la successiva assegnazione, non seguendo quindi necessariamente l'ordine progressivo indicato sul foglio Consigli sui Discorsi (SCB:SSA 8.1.87)

METTERE IN PROGRAMMA UN'INTERA FAMIGLIA:


Se la famiglia è d'accordo e non trova difficoltà, potrebbe anche essere completamente inserita nel programma della Scuola di un'unica serata (SCA:SSC 31.8.83)


ASSENZE:


Non è più richiesto che le assenze siano registrate sul foglio dei consigli (SCA:SSC 31.8.83)


ANDARE FUORI TEMPO:


Il SM a cui è assegnato il discorso N. 1 della SMT e che supera costantemente il tempo, nonostante sia stato debitamente consigliato e aiutato, potrebbe perdere questo privilegio. Comunque spetta al locale corpo degli A. determinare il da farsi (SCA:SSC 31.8.83)

PRESENTARE CHI SVOLGE I PUNTI NOTEVOLI:


È responsabilità del SSMT stabilire se sarà colui che pronuncia il discorso di istruzione a presentare l'A. che svolgerà la parte successiva o se dovrà farlo il SSMT (SCA:SSC 31.8.83)

SORELLA PUÒ AVERE COME PADRONE DI CASA UN FRATELLO:


Ci chiedi se quando una sorella "fa un sermone" può avere come padrone di casa un fratello. Di solito si preferisce che le sorelle abbiano come padrone di casa altre sorelle. Comunque, se a motivo di una particolare ambientazione del discorso fosse necessario far partecipare un fratello, non ci sarebbero obiezioni in merito (DB 6.3.87)

Per i discorsi alla SMT è molto meglio che colui che funge da padrone di casa sia una donna per evitare che si pensi che la studente insegni ad un uomo (SCA:SSD 28.2.80)

DISCORSI DI ESERCITAZIONE FATTI DA A.:


Tutti gli iscritti alla SMT sono da inserire nel programma dei discorsi di esercitazione in circostanze normali. Questo vale anche per gli A. Ma vi sono circostanze in cui non sarebbe consigliabile agli A. preparare anche discorsi di esercitazione. Perché? A motivo dei pochi A. nominati in una congregazione che saranno già molto impegnati a preparare discorsi di istruzione, punti notevoli e parti nelle ad. di servizio. Vengono già adoperati per pronunciare molti discorsi in cui è preferibile che vengano impiegati oratori qualificati.

Quindi sarebbe troppo impegnativo per questi A. dover preparare anche discorsi di esercitazione, forse a discapito del tempo da dedicare a visite pastorali e altri impegni teocratici. Certo sarebbe utile poter mettere in programma A. per pronunciare discorsi di esercitazione se vi sono diversi A. nella congregazione Sarebbero un es. di umiltà e di efficace preparazione per gli altri fratelli. Suggeriamo che sia il corpo degli A. locale a valutare cosa sia meglio che essi svolgano a livello di discorsi da pronunciare alle varie ad., compreso la SMT (SCB:SSA 2.1.87)

DOVREBBE UN PRESIDENTE DARE INIZIO ALLA SMT?


Nelle istruzioni per il 96 che potete trovare in relazione alla SMT viene detto che la scuola deve iniziare in orario con cantico preghiera e benvenuto, poi seguendo il programma prestabilito. Pertanto non viene indicato chi deve dare inizio all’ad. Normalmente è il SSMT che come tale dà inizio all’ad. seguendo le istruzioni succitate (SCC:SSC 27.11.95)
Non crediamo sia necessario un presidente perché "coordini" la SMT con l'ad. di servizio. Potrebbe essere direttamente il SSMT a introdurre l’ad. di servizio con qualche parola di collegamento. (SCB:SSB 12.4.90)

RIPETIZIONE SCRITTA:


L'espressione "tutti dovrebbero avere le domande per la ripetizione", utilizzata nel "Foglio delle risposte per la ripetizione", va letta tenendo presente chi sono coloro ai quali viene data una copia del Km. Puoi vedere quanto viene detto nel Km 2.87 dove viene precisato a chi può essere data una copia di questa pubblicazione. Naturalmente chi è iscritto alla SMT rientra in questa categoria. Quindi l'idea espressa è quella che il SSMT incoraggerà tutti coloro che ricevono il Km a portare la copia personale dell'inserto che contiene le domande.

Per quanto riguarda la possibilità di fare delle fotocopie del Modulo S98 per coloro che servono come consiglieri per le altre classi, non crediamo sia opportuno far questo. È piuttosto appropriato che il SSMT informi in anticipo gli altri consiglieri delle domande in questione affinché essi possano prendere i necessari appunti ed evidenziare tale aspetti notevoli mentre offrono i loro consigli (SCD 4.4.91)


Crisi di coscienza,
Fedeltà a Dio
o alla propria religione?
Di Raymond Franz,
già membro del
Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova
Click sull'immagine per
accedere alla pubblicazione
 
   
       
 
   
       
23/09/2020
Torna ai contenuti