Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Friday, 19 April 2019 06:37
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: STORIA ::

Come si racconta la storia...
Gli stessi fatti raccontati in due maniere diverse


La copertina del libro "Luce" (1930)  

Nel libro Luce, p. 198 (ed. 1930) ecco come Rutherford raccontò la cocente umiliazione che gli "Studenti Biblici" subirono dopo il mancato avverarsi delle loro "profezie" sul 1914:

«La Torre di Guardia e le pubblicazioni della nostra Società che vi si collegano hanno sostenuto per una quarantina di anni che il 1914 avrebbe segnato lo stabilimento del regno di Dio e la completa glorificazione della Chiesa. Nel corso di questo periodo di quarant'anni, il popolo di Dio sulla terra si dedicò ad un'opera di testimonianza, opera che era stata prefigurata da Elia e Giovanni Battista. Tutto il popolo del Signore guardava al 1914 con gioiosa aspettazione. Ma quando l'anno venne e passò, una grande delusione, mista a dolore ed afflizione, venne sul popolo del Signore che fu grandemente oltraggiato. Dovette infatti sopportare gli scherni del clero e dei suoi alleati in particolare, venendo indicati con disprezzo per aver così frequentemente parlato del 1914, senza che le loro 'profezie' si adempissero».


La pagina originale

Ecco invece come questi fatti vengono raccontati nella Torre di Guardia del 1/9/1985, p. 24:

«Dal 1876 in poi, il popolo di Geova notificò al mondo, e in particolare alla cristianità, che i tempi dei Gentili sarebbero finiti nell’autunno del 1914. (Luca 21:24, Nardoni) Gli ecclesiastici non potevano ignorare quest’opera preliminare di quasi quarant’anni, opera paragonabile a quella di Giovanni il Battezzatore. Essi erano ansiosi di scagliarsi contro l’allora direttore di questa rivista se il 1914 fosse passato senza che si verificassero i notevoli eventi corrispondenti a quelli di cui egli aveva dato avvertimento. Ma come furono messi a tacere allorché, il 28 luglio 1914, la pace fu infranta dallo scoppio della prima guerra mondiale!».

Davvero notevole il modo in cui gli stessi identici fatti vengono raccontati: nel libro Luce si parla di una vergognosa umiliazione; nella Torre di Guardia del 1985, la vergogna, gli scherni e l'umiliazione si trasformano invece in una entusiasmante vittoria! Inoltre, mentre nella Torre di Guardia lo scoppio della prima guerra mondiale viene descritto come l'adempimento delle aspettative del "popolo di Dio" per il 1914, nel libro Luce si dice che per il 1914 "il popolo di Dio" si attendeva cose come «lo stabilimento del regno di Dio e la completa glorificazione della Chiesa», quindi la fine completa di questo mondo, e non "solo" una guerra. 

La maggior parte dei TdG non ha mai letto il libro "Luce" (come quasi nessuno di loro ha letto gli scritti di Russell e di Rutherford) e quindi non possono mettere a confronto queste due contrastanti versioni.

Emuli del "Grande Fratello"

Orwell, nel suo libro "1984", raccontava di come il "Grande Fratello" riuscisse a manipolare le informazioni ed i fatti a vantaggio del suo regime. Il protagonista del suo racconto, Winston Smith, è impiegato nel Ministero della Verità che si occupa dell'informazione. Il "Grande Fratello" provvede, quando i fatti lo contraddicono, a correggere addirittura i giornali negli archivi per far sembrare che quello che lui ha detto attraverso la propaganda sia sempre vero! Il Corpo Direttivo (CD) non può arrivare ai punti descritti dal romanzo ma evidentemente è consapevole  che i suoi nuovi adepti non hanno accesso alle informazioni di libri vecchi e ormai obsoleti. D'altra parte il CD predica sempre il "nuovo intendimento" che rende automaticamente obsolete le informazioni nelle vecchie pubblicazioni. Anche il CD, come il "Grande Fratello", obbedisce al principio che "chi controlla il passato controlla il futuro"? Ma uno degli slogan del grande fratello più attinenti alla ideologia dei TdG è sicuramente "la libertà è schiavitù": questo è lo slogan più illuminante! 

Si veda anche:  http://www.infotdgeova.it/1984.htm

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

 

REALIZZAZIONE TECNICA A TITOLO GRATUITO: TAGLAB ST

Privacy Policy | Cookie Policy

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici