Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Monday, 23 January 2017 17:45
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: STRATEGIA ::

Il “caso Bulgaria”

Tutto ebbe inizio quando l’organizzazione dei testimoni di Geova citò il governo bulgaro davanti alla Commissione Europea per i diritti umani, accusandolo di persecuzione nei suoi confronti, in quanto il governo rifiutava di concedere il riconoscimento legale alla Watch Tower. I funzionari governativi bulgari risposero che le loro azioni erano giustificate dal fatto che, fra le altre cose, le direttive cui i testimoni di Geova sono tenuti ad attenersi costituiscono un «pericolo per la salute pubblica», poiché i loro insegnamenti «non mostrano rispetto per la vita umana, in quanto devono rifiutare le trasfusioni di sangue anche quando il loro rifiuto dovesse voler dire la morte» (qui il testo in formato jpg).

Ecco il testo del comunicato stampa del Segretariato presso la Commissione Europea per i Diritti Umani, n. 28626/95[1] (sottolineatura mia):

«Il 3 luglio 1997, la commissione Europea per i Diritti Umani (Consiglio d’Europa) ha tenuto un’udienza riguardante l’ammissibilità della richiesta presentata dall’Associazione Cristiana dei Testimoni di Geova contro il Governo Bulgaro.

… omissis …

Per quanto riguarda i presunti coinvolgimenti di bambini l’associazione ricorrente asserisce che i bambini non possono divenire membri dell’associazione ma solo partecipare, con i loro genitori, alle attività religiose della comunità. Per quanto riguarda il rifiuto delle trasfusioni di sangue, la ricorrente associazione chiarisce che non vi sono sanzioni religiose nei confronti dei testimoni di Geova che accettano una trasfusione e che, quindi, il fatto che la dottrina religiosa dei testimoni di Geova sia contraria alle trasfusioni di sangue non può essere considerata come una minaccia per la "salute pubblica",

… omissis …

Comunque, il Governo ritiene che le dottrine religiose dei testimoni di Geova contengano idee e canoni che sono contrari alla Costituzione e che siano pericolosi per la salute pubblica, la sicurezza nazionale ed i diritti e la libertà di altri.

Il Governo ritiene che i figli partecipano alle attività religiose dell’associazione senza il consenso dei loro genitori, che gli insegnanti che fanno parte di quest’associazione predichino la loro dottrina nelle scuole fra i minori, e che i testimoni di Geova insegnano il disprezzo per le istituzioni democratiche ed i simboli nazionali, mentre richiedono ai loro adepti di disobbedire alle leggi quando queste sono contrarie alla "legge divina", cioè che i testimoni di Geova rifiutano di portare le armi e di lavorare nei servizi pubblici, e che essi cercano di stabilire una società teocratica. Il Governo inoltre ritiene che la dottrina dei testimoni di Geova manchi di rispetto per la vita umana perché essa esige il rifiuto delle trasfusioni di sangue anche quando questo può essere causa di morte»

La testimonianza della Torre di Guardia fu sfacciatamente menzognera, poiché da sempre è vigente tra di loro la punizione dei violatori: «chi accetta una trasfusione di sangue … dev’essere stroncato da essa [la congregazione cristiana] mediante la disassociazione» (La Torre di Guardia del 15 luglio 1961, pagg. 447, 448).

Apparentemente la Commissione per i Diritti Umani si rese conto dell’attuale disposizione organizzativa del geovismo che prevede la punizione per chi accetta del sangue, in quanto i testimoni di Geova accettarono di modificare questo loro atteggiamento in cambio della prosecuzione della trattativa. Fu quindi annunciato il raggiunto accordo durante la sessione del 2-13 marzo 1998 della Commissione Europea per i Diritti Umani (Consiglio d’Europa) che si riunì presso l’Edificio per i Diritti Umani di Strasburgo. Il comunicato stampa ufficiale della commissione (il n. 148) annunciò la risoluzione del contenzioso fra l’associazione Cristiana dei testimoni di Geova e la Bulgaria – procedimento n. 28626/95 – affermando che il governo bulgaro aveva consentito ad alcune concessioni mentre l’organizzazione dei Testimoni, «si impegnava ad effettuare una modifica sulla sua posizione relativa alle trasfusioni di sangue includendo una norma nel suo statuto con la quale lasciare ai suoi membri e ai loro figli la libera scelta in materia di trasfusioni, senza alcun controllo o sanzione da parte dell’associazione».[2]

Communiqué issued by the Secretary
to the European Commission of Human Rights
INFORMATION NOTE No. 148
on the 276th Session of the
European Commission of Human Rights
(Strasbourg, Monday 2 March - Friday 13 March 1998)

__________
The 276th Session of the European Commission of Human Rights (Council of Europe) was held at the Human Rights Building in Strasbourg from 2 to 13 March 1998. At the close of the session the Secretary gave the following information on matters dealt with in the Commission:
The Commission dealt with 715 applications under Article 25 of the Convention and also examined one application under Article 24 of the Convention. Among the applications examined by the Commission were the following: ...
...II. Reports adopted
(i) Reports adopted under Article 28 para. 2 of the Convention (friendly settlement)
(a) One Report was adopted by the plenary Commission under Article 28 para. 2 of the Convention, concluding that a friendly settlement had been secured:
- KHRISTIANSKO SDRUZHENIE "SVIDETELI NA IEHOVA" (CHRISTIAN ASSOCIATION JEHOVAH'S WITNESSES) v. Bulgaria (Application No. 28626/95)
The case concerned the refusal to re-register the applicant association pursuant to a 1994 law, and the alleged suppression of its activities and those of its members. In settlement, the Government agreed to introduce legislation as soon as possible to provide for civilian service for conscientious objectors, as an alternative to military service, and to register the applicant association as a religion. The applicant undertook with regard to its stance on blood transfusions to draft a statement for inclusion in its statute providing that members should have free choice in the matter for themselves and their children, without any control or sanction on the part of the association. [il grassetto è aggiunto]

[qui il testo in formato jpg]

Era prevedibile che un accordo del genere suscitasse un intenso interesse in tutto il mondo geovista, ecco quindi che cominciarono a fioccare domande alla sede centrale dell’organizzazione, la quale fu costretta, il 27 aprile 1998, a rispondere ufficialmente con un comunicato stampa. Ne riportiamo un brano significativo:

«La Bulgaria ha riconosciuto come religione l’associazione cristiana dei testimoni di Geova. La Bulgaria ha pure acconsentito ad emanare immediatamente un decreto che consentirà il servizio civile per tutti coloro la cui coscienza non consente di svolgere il servizio militare. L’accordo inoltre include il riconoscimento che ogni individuo ha la libertà di scegliere quale tipo di trattamento medico ricevere. In seguito a questo accordo amichevole, i Testimoni hanno acconsentito a ritirare la loro denuncia nei confronti del Governo bulgaro.
I testimoni di Geova sono lieti che, mediante uno scambio cordiale sia stato possibile stipulare quest’accordo amichevole stipulato tra l’Associazione Cristiana dei testimoni di Geova ed il Governo bulgaro. I termini dell’accordo non prevedono alcuna modifica nella dottrina dei testimoni di Geova. Piuttosto, l'’accordo riflette un migliorata comprensione da entrambe le parti».

Il comunicato stampa dei Testimoni omette perfino di menzionare la parola "sangue", riferendo solo di un vago "riconoscimento" della libertà di scegliere il "trattamento medico", e quindi continua dichiarando che "I termini dell’accordo non prevedono alcuna modifica nella dottrina dei testimoni di Geova" – lasciando così al lettore l’impressione che i rappresentanti dei testimoni di Geova non abbiano fatta alcuna concessione su questo argomento.

Quando i portavoce dei testimoni di Geova parlano di "libera scelta" in relazione alle trasfusioni di sangue, servizio militare, celebrazione del Natale, o alcun altra attività proibita, mentre parlano incrociano le dita, in quanto mentre dicono una cosa ne intendono una del tutto differente dalla comprensione normale dei loro ascoltatori non Testimoni. Essi realmente vogliono dire che i testimoni di Geova possono scegliere di fare determinate azioni e accettare le conseguenze di un processo davanti ad un comitato giudiziario con conseguente disassociazione. Sarebbe come se un ladro puntasse la pistola sulla testa di una persona e gli dicesse: "Sei libero di scegliere se darmi il tuo portafogli, ma se non lo fai, premo il grilletto". Comunque, l’accordo tra la Commissione Europea va oltre l’espressione "libera scelta". Esso aggiunge anche, "senza alcun controllo o sanzione da parte dell’associazione". Ciò vuol dire che i capi del geovismo hanno accettato di smettere di portare i violatori davanti al comitato giudiziario – e di non disassociare i testimoni di Geova che accettano sangue.

Considera la Società Torre di Guardia quest’accordo come "strategia di guerra teocratica" (dove è consentito mentire al nemico)? Oppure, la Società crede di poter impedire a questa notizia di oltrepassare i confini della Bulgaria e di diffondersi nel resto del mondo? Come stanno in realtà le cose? La migliore risposta non può che venire dalle parole ufficiali dell’organizzazione che, con una lettera del 27 agosto 1998, siglata ECB:ECQ, dalla sede centrale di Brooklyn ha così risposto ad un Testimone che le aveva scritto (siamo in possesso della copia dell’originale, dalla quale omettiamo il nome del destinatario per ovvii motivi di riservatezza):


Caro amico, siamo lieti di rispondere alla tua lettera che abbiamo ricevuto il 6 agosto 1998. Ci chiedi informazioni sulle credenze dei testimoni di Geova relativamente alle trasfusioni di sangue ed anche se vi sono stati cambiamenti nella nostra posizione sulle trasfusioni di sangue dopo l’accordo amichevole stipulato tra i testimoni di Geova ed il governo della Bulgaria...

Comunque tu fai una domanda sulla recente decisione in Bulgaria sui testimoni di Geova. Il governo della Bulgaria ha acconsentito a conferire lo status di religione all’Associazione Cristiana dei testimoni di Geova in Bulgaria. Ciò è stato possibile perché il 9 marzo 1998 la Commissione Europea per i Diritti Umani ha accettato i termini di un accordo amichevole tra il governo ed i fratelli in Bulgaria. Fra le clausole accettate vi è quella della promessa della Bulgaria di incorporare nella sua legislazione la possibilità di svolgere il servizio civile in alternativa a quello militare. L’accordo inoltre include il riconoscimento che ogni individuo ha la libertà di scegliere quale tipo di trattamento medico ricevere.

Significa questo accordo che i testimoni di Geova hanno cambiato la loro posizione in relazione ai trattamenti medici? No. L’espressione che dev’essere incorporata nello statuto dell’Associazione Cristiana dei testimoni di Geova in Bulgaria descrive la maniera in cui i testimoni di Geova hanno tradizionalmente trattato queste materie. È importante comprendere che i testimoni di Geova credono che tutte le persone hanno la libertà di determinare quale scelta fare, non soltanto riguardo al trattamento medico ma anche in tutte le altre scelte della vita, inclusa la religione. Ogni individuo è responsabile delle sue scelte nella vita e delle conseguenze di tali scelte. In quanto associazione religiosa noi spieghiamo quali sono i requisiti biblici, come quello di astenersi dal sangue, ma spetta a ciascuno individualmente, poi, attenervisi o meno. Prima che una persona divenga un testimone di Geova, gli vengono chiaramente spiegate le esigenze della Bibbia. Naturalmente, se qualcuno che è un membro battezzato dei testimoni di Geova deliberatamente intraprende una condotta che viene meno a tali esigenze, vengono fatti sforzi benevoli per aiutare chi sbaglia a riprendersi spiritualmente. Se si rifiuta tale assistenza e rifiuta di attenersi alle norme bibliche, incluse quelle riguardanti l’errato uso del sangue, questo può a volte condurre all’azione scritturale della disassociazione. – 1 Corinti 5. 11-13.

Ripetiamo ancora una volta che i testimoni di Geova credono che tutti hanno la libertà di determinare quale scelta fare,e l’accordo amichevole con il governo bulgaro prende semplicemente atto di questa libertà di scelta. Alcuni hanno frainteso i termini di questo accordo, ed hanno cercato di mal rappresentarlo come si fosse trattato di un cambiamento nella tradizionale maniera dei testimoni di Geova di considerare la questione.

Ritengo che qualsiasi commento a queste parole sia superfluo: Ci troviamo ancora una volta dinanzi alla più eclatante dimostrazione dell’uso della "strategia della guerra teocratica" verso un governo che non perseguita i Testimoni, e verso situazioni che non riguardano minimamente atteggiamenti ostili nei confronti della libertà di adorazione, ma soltanto dei tentativi – legittimi – di un governo, di tutelare la salute e la libertà dei propri cittadini.

Sergio Pollina

Il comunicato stampa completo in inglese  
rilasciato dal Segretariato presso la Commissione Europea per i Diritti Umani.

Il comunicato stampa  
della Watch Tower in cui si annuncia il raggiungimento dell'accordo con il governo bulgaro.

Lettera privata della Watch Tower in cui si dichiara che in realtà in Bulgaria non è cambiato nulla: Pagina 1 - pagina 2

La traduzione completa della lettera.

Ciò che è accaduto in Bulgaria è un tipico esempio di "strategia teocratica", insegnamento secondo il quale è lecito nascondere i fatti, non dire tutta la verità, sviare chi cerca di danneggiare gli interessi dell'Organizzazione (si veda qui; link esterno). Un episodio analogo si è verificato nell'estate del 1993. In quel periodo era ancora in vigore per i Testimoni la proibizione di svolgere il servizio civile che è stata revocata dalla Società solo nel 1998. Cito dal libro Movimenti religiosi alternativi, effetti dell'adesione e motivi dell'abbandono (Sergio Pollina - Achille Aveta, Libreria Editrice Vaticana, 1998), alle pp.78,79:

Come è noto, in seguito al dissolvimento dell'impero sovietico, in tutti i paesi dell'area e comunista vi è stata, letteralmente, un'invasione di movimenti religiosi alternativi, che hanno trovato, dopo settant'anni di « ateismo » ufficiale, un campo fertile per la loro propaganda e il loro proselitismo. Fra i tanti, naturalmente, la Società Torre di Guardia che, in ossequio alla sua ormai consolidata dottrina della « strategia teocratica », non ha esitato a ricorrere ad un contorcimento della verità, pur di ottenere il riconoscimento giuridico nella Repubblica Ceca. Riassumiamo i fatti risalenti all'estate del 1993.

Con una lettera[3] il responsabile del ministero della Cultura della Repubblica Ceca aveva sollevato alcune obiezioni relative alla richiesta della « Società Religiosa di testimoni di Geova » di ottenere la registrazione ufficiale presso il Governo di Praga. Le obiezioni riguardavano tre punti in particolare, e cioè se è vero che i Testimoni di Geova sono tenuti all'obbligo di non sottoporre, qualora necessario, i loro figli minori alle trasfusioni di sangue; se è vero che ai Testimoni di Geova è proibito di svolgere il servizio militare; se è vero che ai Testimoni di Geova è proibito svolgere anche il servizio civile alternativo.

A tutte e tre queste importanti questioni, dalle quali dipendeva il riconoscimento giuridico o meno dell'Organizzazione, i signori Eduard Sobicka e Ondrej Kadisa, risposero negativamente, usando come formula per tutti i quesiti l'espressione: «La risposta è: NO, la Società non lo insegna». In altre parole negarono che:

  • l'Organizzazione proibisca agli adepti di ricevere per se stessi o per i loro figli sangue in qualsiasi forma, pena la scomunica [disassociazione] dal gruppo;

  • il rifiuto del servizio militare sia imposto dall'Organizzazione, mentre si tratterebbe di una libera scelta;

  • ai Testimoni sia proibito di svolgere il servizio civile sostitutivo perché la Bibbia non dice nulla sull'argomento.

Chiunque conosca i Testimoni di Geova sa benissimo che le cose stanno esattamente al contrario e la letteratura che lo dimostra è così copiosa che non è possibile citarne anche solo una piccola parte. Quest'episodio, pertanto, si aggiunge a tutti gli altri, a dimostrazione dell'assunto che, quando questa Organizzazione ritiene di doversi travisare allo scopo di ottener vantaggi per se stessa, non esita a farlo, anche ricorrendo alla menzogna o a false informazioni, come nel caso appena illustrato.

[1] The Bulgarian Files In questo sito (in lingua inglese) si può scaricare l''intera documentazione, fra cui la riproduzione in formato jpg del comunicato stampa del Segretariato presso la Commissione Europea per i Diritti Umani, n. 28626/95. Qui un altro sito (inglese) che tratta lo stesso argomento. 
Se volete entrare nel sito della Commissione Europea, cliccate su questo link: ECHR's Case Law search engine e, una volta aperta la pagina, inserite i seguenti dati: - Application Number:  00028626/95 - attivate solo le caselle ReportsAdmissibility Decisions ed English (disattivate Judgements), cliccate sul pulsante Search e compariranno in basso i links che cercate.

[2] Di seguito la traduzione letterale (interlineare) del comunicato stampa: «The applicant [il richiedente] undertook [si impegnava] with regard to [in relazione alla] its stance on [sua posizione sulle] blood transfusions [trasfusioni di sangue] to draft [a redigere] a statement [una dichiarazione] for inclusion [da includere] in its statute [nel suo statuto] providing that members [che consenta ai suoi membri] should have free choice [di scegliere liberamente] in the matter for themselves and their children [per se stessi e i loro figli] without any control or sanction on the part of the association [senza subire alcun controllo o sanzione da parte dell'associazione]». Questo è il testo del comunicato stampa n. 148, riportato nel testo soprastante nella sua quasi letteralità, dandogli il significato reale. È chiaro che quando l'organizzazione dice di impegnarsi a includere nei suoi statuti una dichiarazione che riguardi la libera scelta di accettare o meno trasfusioni di sangue, ciò costituisce una modifica epocale rispetto alla sua posizione di sempre. A nulla vale che la Società asserisca in una lettera ad un suo associato che «ripetiamo ancora una volta che i testimoni di Geova credono che tutti hanno la libertà di determinare quale scelta fare e l'accordo amichevole con il governo bulgaro prende semplicemente atto di questa libertà di scelta. Alcuni hanno frainteso i termini di questo accordo come se si fosse trattato di un cambiamento [modifica] nella tradizionale maniera dei testimoni di Geova di considerare la questione». Se fosse stato vero ciò che essi dicono, non si comprende perché il governo Bulgaro abbia preteso l'inclusione nello statuto di una norma (insieme a quella sul servizio militare) che era già esistente! Altra cosa è, poi, la dichiarazione formale dell'accordo i cui termini in un comunicato stampa - come sempre avviene in casi del genere - vengono riportati nella loro essenza e non nella loro letteralità. Difatti, l'accordo ufficiale, al punto 2.1 recita testualmente (grassetto aggiunto): «I pazienti testimoni di Geova si avvalgono del sistema sanitario per se stessi e per i loro figli; ciascun membro ha il diritto di avvalersi di tale sistema liberamente a loro discrezione, senza alcun controllo o  sanzione da parte dell'associazione» [petitioner è colui che ha fatto la richiesta, si potrebbe tradurre con il richiedente, che comunque è l'associazione]. Poi si aggiunge al punto 2.2 che «operando secondo la legislazione sanitaria bulgara, l'associazione cristiana dei testimoni di Geova della Bulgaria, si impegna a rispettare l'applicazione di tale legislazione, che comprende:» ecco il punto 2.2.1: «non emanare alcuna direttiva che imponga il rifiuto di trasfusioni a minori»; punto 2.2.2. «riguardo a persone in età adulta, riconosce [l'organizzazione] che l'osservanza delle disposizioni di tale legislazione appartiene alla libera scelta di ciascun individuo». Sottolineiamo ulteriormente l'astuta strategia adottata dalla Watch Tower: prima la Società ha dichiarato, con estrema chiarezza, alle autorità bulgare che non esistono sanzioni nei confronti di chi acconsente ad una trasfusione di sangue. La realtà, invece, attesta che i testimoni di Geova che accettano un'indispensabile trasfusione di sangue per sé o per i loro figli vengono sanzionati con l'esclusione dalla congregazione. Certo non si tratta di un'esclusione automatica: se il "peccatore" dichiara di essere pentito e di non fare più una cosa simile può essere perdonato e rimanere così ancora TdG. Il 'pentimento' è comunque richiesto in ogni caso, anche quando magari la trasfusione si è rivelata l'unico modo per salvare la vita di un bambino. Il genitore che ha 'peccato' deve dichiarare agli anziani che non farà più una cosa del genere e che ha disubbidito alla "legge di Geova" che impone di rifiutare il sangue anche se questo fosse stato l'unico modo per salvare una vita o per impedire menomazioni fisiche permanenti. Che esista una pressione psicologica fortissima in tal senso è chiarissimo: nessun TdG se la sentirebbe di disubbidire a quella che attualmente viene considerata "legge di Dio", anche se questo potrebbe compromettere la sopravvivenza o la qualità della vita di un minore (si veda, per esempio, la testimonianza riportata in questa pagina: link). 

Nello statuto presentato al governo bulgaro ecco come è stata inserita la modifica relativa all'assenza di sanzioni: "La Confessione non applica sanzioni arbitrarie in relazione alle cure mediche che i Testimoni di Geova coscienziosamente scelgono per se stessi e per i loro figli" (il grassetto è aggiunto). Questa frase, dopo le dichiarazioni fatte in precedenza nelle quali si sosteneva che non esistono sanzioni per chi accetta il sangue, può essere intesa come una completa assenza di provvedimenti disciplinari. Le sanzioni per chi accetta il sangue possono infatti essere sempre ritenute arbitrarie, cioè illecite ed ingiuste. Ed è questo quello che i TdG volevano che le autorità bulgare comprendessero. Invece si è trattato anche in questo caso di una "menzogna strategica": infatti l'aggiunta della parola arbitrarie permette di sanzionare tutti quei TdG che accettano il sangue senza "pentirsi". Davvero un modo di fare ambiguo ed ingannevole, in piena armonia con la dottrina geovista dalla "strategia teocratica" (link). 

[3] Si tratta di una lettera in lingua inglese, datata 30 luglio 1993 e indirizzata al Ministero della Cultura in persona del dott. P. Zeman da parte del «Comitato Preliminare della Società Religiosa di testimoni di Geova».

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

Free Sitemap Generator
REALIZZAZIONE TECNICA :: PROZAC2000 ST
Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici