Materiale stampato dal sito INFOTDGEOVA.IT a cura di Achille Lorenzi

Home Novità Cerca Forum Dottrine Esperienze Citazioni
Sangue Libri Profezie Modifiche TNM Sanzioni Strategia
Video Mappa Links Cronologia Varie Sostieni Chi sono
NEWSLETTER: ___________
Tuesday, 21 May 2019 04:24
Cerca nel sito --Torna alla pagina precedente

:: STORIA E DOTTRINA ::

La croce nelle iscrizioni e nell'arte
dei primi secoli dell'era cristiana 

(terza parte)
(torna alla seconda parte)

Nella rivista Svegliatevi! del mese di aprile 2006, a p. 13, si legge quanto segue:

Solamente tre secoli dopo la morte di Gesù alcuni che si professavano cristiani fecero propria l’idea che fosse stato messo a morte su una croce a due bracci.

Questa è un'altra raffigurazione della croce che smentisce queste affermazioni:.

L'iscrizione, in un greco grammaticalmente un po' pencolante, è nelle prime due righe della gemma:

Cioè: , "Figlio Padre Gesù Cristo".

Si tratta di un amuleto magico di fine II\inizio III secolo di origine egizia trovato a Gaza, attualmente nella Pereire Collection di Parigi. Il pezzo appare nel catalogo di una mostra di arte cristiana curata da Felicity Harley e Jeffrey Spier, ed è definita come "earliest surviving representation of Jesus on the cross"(1). L'amuleto è ricco di nomi magici, come vuole la tradizione esoterica tardo-antica, e reca l'iscrizione "Figlio, Padre, Gesù Cristo", probabilmente è un amuleto di un mago, che mischia elementi di varie religioni, tra cui un'invocazione a Gesù come fosse un dio tra gli altri, al fine di compiere i suoi riti (2).

Il volume in cui la si può trovare, che è il catalogo della mostra è: Picturing the Bible: the earliest Christian art / Jeffrey Spier ; with contributions by Mary Charles-Murray ... [et al.] New Haven [etc.] : Yale university press ; Fort Worth : Kimbell art museum, [2007] Il pezzo è il n. 55 del catalogo, e lo si trova alle pp. 228-229.

Di seguito la scansione delle pagine del cataologo dove si descrive questo amuleto:

Cliccare per ingrandire

Note:

(1) Spier, op. cit. supra, p. 229.

(2) Un fenomeno sincretistico piuttosto comune in epoca antica consisteva nel mischiare nomi cristiani, pagani, ed inventati in quanto nomi segrete di divinità, al fine di ottenere un incantesimo più potente. Qualcosa di simile avveniva in Atti, 19:13-17, in cui un mago pagano cita Gesù mettendolo nel calderone del suo esorcismo: «Alcuni esorcisti ambulanti giudei si provarono a invocare anch'essi il nome del Signore Gesù sopra quanti avevano spiriti cattivi, dicendo: "Vi scongiuro per quel Gesù che Paolo predica". Facevano questo sette figli di un certo Sceva, un sommo sacerdote giudeo. Ma lo spirito cattivo rispose loro: "Conosco Gesù e so chi è Paolo, ma voi chi siete?". E l'uomo che aveva lo spirito cattivo, slanciatosi su di loro, li afferrò e li trattò con tale violenza che essi fuggirono da quella casa nudi e coperti di ferite. Il fatto fu risaputo da tutti i Giudei e dai Greci che abitavano a Efeso e tutti furono presi da timore e si magnificava il nome del Signore Gesù».

Commenta questa pagina:



STAMPA QUESTA PAGINA
Stampa questa pagina

Vuoi sostenere questo sito? Clicca qui

***
Traduci la pagina:
Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

 
Segnala la pagina su OK NOTIZIESEGNALO.COMSegnala su DiggitaSegnala su Del.icio.usSegnala su FacebookAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su GoogleAggiungi pagina ai tuoi Segnalibri su yahoo Di che cosa si tratta?

 

REALIZZAZIONE TECNICA A TITOLO GRATUITO: TAGLAB ST

Privacy Policy | Cookie Policy

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici