Vai ai contenuti

Testimoni di Geova e massoneria

Menu > La storia


Testimoni di Geova e Massoneria
Qual è il punto di vista della letteratura della Watchtower Society?


Messaggio inviato nel forum Infotdgeova il 04/12/2020 (link)

Ogni tanto, pure nei forum, salta fuori in maniera ormai nauseante, ripetitiva e compulsiva, la tesi cospirazionista e senza alcun fondamento secondo cui Russell era massone e che la massoneria controllerebbe la Watchtower Society. Perché? Perché Russell avrebbe usato i seguenti simboli nelle pubblicazioni Watchtower:

- La Piramide di Giza
- Il disco solare alato
- La croce e la corona
- La Torre di Guardia
- Due pilastri
- L'occhio che tutto vede
- Le Pleiadi
- YHWH

Non entrerò nei dettagli, ma vi rimando a due articoli che vi invito a leggere attentamente abbastanza esaustivi:



Credo che cambi l'approccio metodologico, e lo scontro è fra cospirazionismo (spesso becero) vs metodo storico-scientifico. Chi vincerà? In centoni, lo scontro è fra il prof. M. James Penton, massimo storico del geovismo (autore del tomo Apocalypse Delayed: The Story of Jehovah's Witnesses, Toronto-Buffalo-London, University of Toronto Press 1985/2015), e Fritz Springmeier (autore del libro The Watchtower & The Masons, presso l’Autore, Portland, Oregon 1990/1992).

Il primo è uno stimato docente universitario in pensione anticipata per gravi motivi di salute dettati dallo stress successivo all'ostracismo subito dal culto a cui la famiglia era affiliata da ben quattro generazioni, che porta prove documentarie a sostegno che Charles Taze Russell non era massone (alt, se saltassero fuori lui sarebbe disposto a ritrattare, dato che abbiamo prove su l'avventista William Miller e il padre del mormonismo Joseph Smith ... questo è il metodo scientifico), e dall'altra uno scrittore statunitense, saggista e autore di numerosi libri sostenendo l'idea che il mondo sia governato un'élite globale legata da legami di sangue di derivazione satanica che si starebbe segretamente adoperando per il governo del mondo tramite l'imposizione di un nuovo ordine mondiale, arrivando a sostenere che ancora "oggi la massoneria controlla i testimoni di Geova". Da notare, scrive il prof. Zucchini nel primo articolo citato:

...Un esempio di questa letteratura - che rimarrebbe incomprensibile senza il quadro di riferimento della "religione incivile" americana e della sua tradizione - è costituito dalle attività dell’organizzazione anti-geovista Witness Inc. Uno dei suoi "missionari", Fritz Springmeier di Portland, nell’Oregon, insiste particolarmente sui collegamenti massonici dei primi Studenti Biblici - da cui originano gli attuali testimoni di Geova - e sostiene, tipicamente, che anche "i leader cattolici del Vaticano sono quasi tutti massoni". Se si aggiunge che i testi di Springmeier sono distribuiti da Saints Alive, un gruppo anti-mormone dello Stato di Washington che accusa di collegamenti massonici sia i mormoni che i cattolici, il quadro è completo e mostra la persistenza della "religione incivile", che da anni ha incluso i testimoni di Geova in una sua teoria del complotto che già dalla prima metà del secolo scorso collegava la massoneria, la Chiesa cattolica e la Chiesa mormone.

Guardiamo le biografie dei due teorici:

M. James Penton:

Nato nell'aprile 1932, Penton è cresciuto come testimoni di Geova di quarta generazione, sperimentando da bambino le restrizioni del governo canadese sulle attività della religione. Fu battezzato nel giugno 1948 e fu mandato dai suoi genitori in Arizona a causa di problemi di salute. Penton ha frequentato la Amphitheatre High School di Tucson, in Arizona. Ha sposato Marilyn Mae Kling quando avevano entrambi 19 anni (circa 1951). Nel 1953-1956 ha frequentato l'Università dell'Arizona, laureandosi in Storia con minori in tedesco e spagnolo. Ha conseguito il Bachelor of Arts (B.A.) nel 1956. Nel 1956-1959 ha frequentato l'Università dello Iowa, studiando storia medievale e prestando servizio come assistente di ricerca e insegnamento. Ha conseguito il Master of Arts (MA) in Storia europea nel 1959. Nel 1965, ha conseguito il Dottorato in Filosofia (Ph.D.) in Storia dell'America Latina con un minore in Studi religiosi, presso l'Università dello Iowa.

Nel corso degli anni, Penton ha prestato servizio in vari ruoli nelle congregazioni dei Testimoni di Geova negli Stati Uniti, a Porto Rico e in Canada mentre perseguiva una carriera accademica, prima di trasferirsi in Alberta nel 1965. Penton affermò di essere un cristiano unto, e quindi uno della classe dello schiavo fedele e discreto della religione, che si dice fosse usata collettivamente da Gesù Cristo per "nutrire" i suoi seguaci con istruzioni scritturali. - Wikipedia.

Fritz Artz Springmeier:

Nato a Portland, in Oregon, frequentò l'Università del Kansas ove conseguì un master. Il 31 gennaio 2002, Springmeier è stato incriminato dalla Corte Distrettuale degli Stati Uniti a Portland, accusarto di rapina a mano armata. Il 12 febbraio 2003, è stato riconosciuto colpevole di un conteggio di rapina in banca a mano armata e di favoreggiamento mediante uso di un fucile semiautomatico durante la commissione di un crimine. Nel novembre 2003, è stato condannato a 51 mesi di prigione con l'accusa di rapina a mano armata e 60 mesi con l'accusa di favoreggiamento, multato di 7.500 dollari, condannato a pagare 6.488 dollari a titolo di restituzione e valutato altri 200 dollari. La condanna di Springmeier è stata confermata in appello, e dopo un periodo di detenzione presso una prigione federale, è stato rilasciato il 25 marzo 2011. - Wikipedia.

Non so voi, ma mi fido un pelo più di Penton! Ma proprio un pelo, tipo parrucca!

Penton infatti scrive:

Eppure nel corso degli anni i critici di Russell e dei Testimoni di Geova hanno continuato a usare l'affermazione fallace di Ross più una serie di altre accuse, due delle quali dovrebbero essere considerate come un'assurdità assoluta. La prima è che Russell era dedito a pratiche occulte, e la seconda è che era un massone. La prima affermazione si basa quasi interamente sul suo uso di alcuni simboli come il disco alato che appariva su copie di Studi sulle Scritture e il motivo della croce e della corona che appariva nella letteratura della Torre di Guardia e veniva spesso indossato dagli Studenti Biblici come ornamenti religiosi. Ma invece di essere tratti dal paganesimo egiziano come è stato affermato dagli avversari di Russell, i dischi alati rappresentavano semplicemente "il sole della giustizia" che "sarebbe sorto con la guarigione nelle sue ali" secondo Malachia 4:2. Per quanto riguarda la croce e la corona motivo, era semplicemente un motivo comune nel diciannovesimo secolo e nei secoli precedenti che era usato da molti gruppi cristiani. Altrettanto speciosa è l'affermazione che Russell fosse un massone. Lo si capisce facilmente dai commenti in cui consigliava agli Studenti Biblici di non diventare massoni e dalla sua mancanza di conoscenza del lavoro e dei rituali della Massoneria. - M. James Penton, Apocalypse Delayed: The Story of Jehovah's Witnesses, 3rd edition, Buffalo-Toronto-London, University of Toronto Press 2015, p. 64.

Non so fino a che punto le tesi complottiste di Springmeier siano credibili, vista la fonte, e non è che il master lo ripaghi, visto che Zucchini dimostra che c'è pure conflitto d'interessi, dato che i suoi studi «sono distribuiti da Saints Alive, un gruppo anti-mormone dello Stato di Washington che accusa di collegamenti massonici sia i mormoni che i cattolici», e che mi risulta esser legato agli evangelici. La tesi secondo cui «oggi la massoneria controlla i testimoni di Geova», porta alla conclusione che i presidenti, anche quelli successivi, erano tutti gran maestri. Quindi Franz, Knorr e Rutherford erano massoni? Oggi gli otto membri del Corpo Direttivo sono massoni? Non mi risulta che Raymond Franz, che è stato membro del Corpo Direttivo per nove anni, in Crisis of Conscience parli di tale cosa. Massone pure lui? Quindi ha tradito: ma perché non ha parlato? O c'è un inner circle di affiliati che sanno, magari uniti da legami di sangue? E se era legato da un legame di sangue con Fred Franz, perché non ha detto niente?

Qui si entra nella teoria del complotto, in roba alla Dan Brown che francamente mi piace leggere come romanzo in spiaggia o davanti al caminetto sorseggiando una cioccolata calda, ma non un'analisi seria sulla storia dell'ente che amministra i testimoni di Geova, la Watch Tower Bible and Tract Society of Pensylvania.

La domanda è: che dice la Watchtower Society della filiazione massonica? L'amico Achille Lorenzi ha trovato diversi articoli in cui si parla di diversi che diventano TdG e che in precedenza erano massoni. E la massoneria non è mai descritta né in termini positivi né in maniera neutrale (Penton è professore ad esempio. La Watchtower, pur non elogiando gli studi superiori, non ha mai fatto intendere che se uno diventa TdG ed è professore o insegnante, deve abbandonare tale carriera. Con la massoneria sì):
Da massone a Testimone

«Durante la prima guerra mondiale il fratello Fox lavorò come direttore di un negozio del posto. Una domenica mattina, a casa sua a Honolulu, ricevette una telefonata da David Solomon. Il sig. Solomon era gestore di un’autorimessa presso una locale postazione militare; gli occorreva della merce e chiedeva se Ellis poteva aprire il negozio per eseguire l’ordinazione; Ellis acconsentì.

Il fratello Fox rammenta: “Mentre mi accompagnava in macchina al negozio, osservò che dovevo essere un massone per essere così servizievole. Sentendo che ero un ministro degli Studenti Biblici locali, chiese: ‘Pronuncia mai qualche discorso fuori della sua chiesa?’ Io risposi: ‘Sì, se mi invitano’. Allora mi informò che lui era il maestro della loggia massonica di Fort Schofield e mi invitò a parlare lì. Naturalmente non gli dissi che non avevo mai pronunciato un discorso pubblico. Mi preparai e mi servii di un prospetto simile a quello che si trova all’inizio del Volume I degli Studi sulle Scritture. Preparare e pronunciare quel primo discorso pubblico fu per me una buona occasione per mettere in pratica parte di ciò che avevo imparato da Walter Bundy”.

Da allora in poi David Solomon si riunì regolarmente col gruppetto di Studenti Biblici. Nonostante l’accanita opposizione, in seguito troncò ogni legame con la massoneria e fu battezzato dal fratello Fox.» - Annuario dei Testimoni di Geova 1991, "Hawaii", p. 75.

Da notare: «troncò ogni legame con la massoneria e fu battezzato». Se fosse una cosa o ben vista o neutrale (una cosa che va a coscienza) non credo l'avrebbero messa.

«In base all’accresciuta conoscenza della Bibbia, l’uomo, nonostante fosse un massone di trentaduesimo grado, troncò i suoi legami con la loggia massonica ed ella con l’Ordine della Stella d’Oriente.» - Svegliatevi!, 22 aprile 1975, p. 28

«Comunque, per ‘comprare la verità’ dovette apportare nella sua vita alcuni cambiamenti che gli costarono molto. Godwin ricorda: “Appartenevo a una loggia massonica. Benché fosse nota come una confraternita di mutua assistenza, c’erano dei riti in cui si usavano teschi e ossa e si invocavano gli spiriti. Si diceva che quegli spiriti aiutassero chi era in contatto con loro ad accrescere la propria spiritualità.

“Dai miei studi compresi che Geova Dio detesta qualsiasi contatto con lo spiritismo, perché può portare la persona sotto l’influenza di Satana e delle sue malvagie forze spirituali. Avrei continuato a far parte della loggia massonica con tutto il suo misticismo o l’avrei lasciata per piacere a Geova? Decisi di lasciarla. Distrussi tutto il mio corredo massonico, compreso il vestito che indossavo alle riunioni. Toccai con mano la veracità della promessa di Gesù: ‘La verità vi renderà liberi’. (Giovanni 8:32) Ora sono felice di parlare ad altri delle cose che ho imparato. Non ho nessun rimpianto”.» - La Torre di Guardia, 15 dicembre 1997, p. 10.

Ora, non mi risulta che qui la Watchtower elogi l'affiliazione massonica o la descriva, specie nella Torre di Guardia del 1997, come una cosa innocua. Non credo che il Corpo Direttivo – gente spesso di bassa istruzione superiore, tutti ex sorveglianti e missionari o funzionari della Betel con l'unica differenza della "chiamata celeste" – appartengano alla suddetta élite da cui si viene cooptati per diventare massoni. Lì si attacchi per le porcate fatte! Non perché Lett fa le faccine buffe e gommose perché è un rettiliano o un Visitors che ha legami di sangue con le élite!

Aggiungo: sappiamo tutto sulla filiazione massonica di William Miller, padre dell'avventismo, e di Joseph Smith, padre del mormonismo. In questo sito ufficiale mormone si elogia addirittura la massoneria link, mentre in un video in italiano, il predicatore mormone Scott Gordon in questo discorso dal titolo «La massoneria e i templi SUG» si espone a nome dei Mormoni e parla a dei Mormoni italiani (tradotto in Italiano) della relazione tra la Massoneria e i Mormoni, parlando molto bene della Massoneria. Scott Gordon parla contro i «fondamentalisti cristiani evangelici» (min. 18) affermando che la «retorica antimassonica deriva dai fondamentalisti cristiani evangelici che dicono che i Massoni sono parte di una organizzazione malvagia che si dedica all’occulto: non ci sono prove a dimostrare che questo sia vero!». L'unica cosa che Scott Gordon fa e di dire che le ritualità mormoni, che sono una palese scopiazzatura di quelle massoniche, invece sono state «istituite in cielo».
Dove vedete una simile retorica nella letteratura della Watchtower? Suvvia, siate onesti! Casomai possiamo parlare di affiliazione massonica, per motivi storici ben precisi, molti esponenti del protestantesimo italiano, come reazione al legame Trono-Altare che caratterizzava, in età risorgimentale, gli stati preunitari. Lo storico Giorgio Rochat, protestante, scrive:

Il passaggio dalla ristretta tolleranza di Carlo Alberto all’ampia libertà dell’Italia giolittiana era dovuto all’affermazione delle forze liberaldemocratiche e della loro moderna concezione dei diritti dei cittadini, ma si era anche giovato dell’aspro conflitto del nuovo stato con la chiesa cattolica (...) E la classe dirigente liberal-democratica aveva favorito la libertà delle piccole chiese protestanti per motivi ideali, ma anche per colpire la chiesa cattolica nei suoi privilegi consolidati, a livello poco più che simbolico, s’intende (...) Le chiese evangeliche avevano fatto la loro parte attaccando con durezza il cattolicesimo, con polemiche non senza eccessi dalle due parti, e presentandosi esplicitamente come portatrici dei valori moderni propri dello stato liberale. Questa convergenza sul terreno del progressismo moderato e dell’anticattolicesimo era ben rappresentata dagli stretti legami tra la massoneria e il protestantesimo italiano: quasi tutti i dirigenti e i predicatori delle missioni straniere delle chiese “libere”, battiste e metodiste erano massoni, così come una parte non piccola di quelli valdesi La firma dei patti lateranensi, l’11 febbraio 1929, fu accolta con viva inquietudine dai protestanti italiani, perché rompeva una consolidata prassi di separazione tra chiese e stato e riaffermava solennemente che la religione cattolica era “la sola religione dello stato” - Giorgio Rochat, Regime fascista e Chiese evangeliche, Claudiana Torino 1990, pp. 11,12-127.

Spero di esser stato chiaro!

Metallo Pesante



Crisi di coscienza,
Fedeltà a Dio
o alla propria religione?
Di Raymond Franz,
già membro del
Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova
Click sull'immagine per
accedere alla pubblicazione
 
   
       
 
   
       
02/03/2021
Torna ai contenuti